Inter-Lazio, la stoccata di Inzaghi: “Dovevano essere l’anti-Juventus, Keita e De Vrij…”

Il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, suona la carica in vista dell’Inter: “”Serve dare continuità alle ultime prestazioni”

Parla Simone Inzaghi.

Match importantissimo in chiave Champions League, quello in programma questa sera a San Siro tra Inter e Lazio: da una parte i nerazzurri, che dopo la vittoria nel derby si sono riportati al terzo posto, dall’altra i biancocelesti, che occupano attualmente la sesta piazza, ma in caso di successo potrebbero avvicinarsi sensibilmente al quarto posto occupato dal Milan.

Obiettivo chiaro e ineccepibile quello degli uomini di Simone Inzaghi, che intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match, ha chiesto grinta, ma anche tanta prudenza: “Sarà molto importante, per la classifica, per la prestazione nostra, veniamo da un ottimo momento. Poi ci saranno altre 10 partite, ma sarà importante. Ci vorrà una delle migliori Lazio. Ultimamente si è vista più di una volta, ci vuole continuità, dovremo tenere a mente la gara fatta in Coppa Italia e anche la brutta dell’andata”.

KEITA – “Keita lo conosciamo bene, è un giocatore di grandissima qualità. Può giocare da punta centrale e da attaccante esterno. Sembra che giocherà centravanti, lo rivedrò con piacere, ma per noi cambierà poco, Keita o Icardi. Pensiamo solo al nostro atteggiamento, dovrà essere propositivo”.

DE VRIJ – “Lo conosco molto bene, e sono sicuro che sarà dispiaciuto di non poterci essere. Gli sarebbe piaciuto giocare contro la sua ex squadra”.

OBIETTIVO QUARTO POSTO – “Serve dare continuità alle ultime prestazioni. Siamo ancora in ritardo, paghiamo gennaio, abbiamo avuto qualche problema a livello numerico. La sosta forse non ci voleva, ma abbiamo ritrovato i Nazionali abbastanza bene, eccetto Neto. Dovremo essere bravi in questo ciclo di partite come prima della sosta. L’Inter alla vigilia del campionato era l’anti-Juve, per merito dei bianconeri non ci sono state anti-Juve. Siamo pronti a giocarci al meglio queste ultime partite”.

CASO ICARDI – “In questi ultimi giorni ho dovuto pensare alla mia squadra, è con i miei ragazzi che posso incidere. Sull’Inter non ho le conoscenze per poter dare un giudizio, non conosco le dinamiche, Spalletti farà le sue considerazioni. Dipendiamo da noi stessi, dobbiamo giocare con qualità”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy