Sconcerti senza filtri: “Pirlo? E’ la Juventus ad essere sbagliata. CR7 maggiordomo inutile”

Mario Sconcerti analizza il clamoroso ko della Juventus e la vittoria del Milan

Juventus

Parola a Mario Sconcerti.

Juventus

Ventottesimo turno di Serie A amaro per la Juventus di Andrea Pirlo, che dopo i tre successi consecutivi contro Spezia, Lazio e Cagliari, nel match dell’Allianz Stadium, ha trovato – con non poche sorprese – la quarta sconfitta in questo campionato. A battere i bianconeri, il Benevento di Pippo Inzaghi, grazie al gol messo a segno da Adolfo Gaich.

Una sconfitta che non è certamente passata inosservata e che, a questo punto della stagione, allontana ancora di più il sogno di portare sotto “la Mole” il decimo scudetto consecutivo. Sul banco degli imputati è finito anche il tecnico della Vecchia Signora, la cui permanenza è stata messa fortemente in discussione non avendo convinto del tutto in questa sua prima esperienza da allenatore.

Attraverso le colonne del “Corriere della Sera”, il noto giornalista ed opinionista Mario Sconcerti ha analizzato il clamoroso ko della Juventus contro il Benevento ed il successo del Milan ai danni della Fiorentina.

Juventus-Benevento, Paratici: “Tutto sul futuro di Pirlo e Ronaldo. Ciclo finito? Ecco cosa ne penso”

SULLA JUVENTUS –  “Non è sbagliata la partita della Juve, è sbagliata la sua idea di squadra. È sbagliata la Juve. Ronaldo diventa il maggiordomo delle crepe sui muri, inutile perché gli ospiti scappano. La Juve non ha neanche equilibrio. Ha rinunciato ad averlo fin dal mercato. La casa è bella ma non sta in piedi. Nella storia del club la colpa è sempre del tecnico, ma la mia impressione è che Pirlo è stato scelto come colpevole corretto fin da inizio anno ed adesso addirittura accusa la squadra. La Juve aveva il diritto di respirare perché gli imperi finiscono a prescindere da chi li ha costruiti e Pirlo ci è solo cascato dentro”.

VIDEO Juventus-Benevento, amarezza Pirlo: “Commessi troppi errori. Se non hai fame puoi perdere anche queste gare”

SUL MILAN – “In generale non è granché il nostro calcio la cui parte migliore è ancora il Milan perché ha un eremita eretico in mezzo all’area e tanti ragazzi che sanno giocare a pallone nelle tre zone. Il Milan è una squadra europea, infatti stava perdendo anche ieri, ma ha qualità di pressing e di gestione non comuni. Noi confondiamo spesso una partita con l’idea generale di calcio. Non c’è nessuno in Italia che ne abbia una assoluta, nemmeno l’Inter”.

Fiorentina-Milan, Pioli: “Ibrahimovic fa bene a parlare di scudetto, ci proveremo. Ko Juventus? Una sorpresa”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy