Pucciarelli: “La mia vita negli Emirati. Chievo? Io fuori per motivi strani. Sarri-Juve e Giampaolo…”

Le parole dell’attaccante ex Chievo Manuel Pucciarelli, tra presente, passato e futuro

pucciarelli

A tutto Manuel Pucciarelli. 

Si racconta senza peli sulla lingua l’attaccante 29enne Manuel Pucciarelli, ripartito dagli Emirati Arabi dopo l’esclusione dal progetto tecnico del Chievo avvenuto lo scorso gennaio. Il giocatore, intervistato ai microfoni di “Gianlucadimarzio”, ha ripercorso la sua carriera soffermandosi in particolare sulla sua parentesi ad Empoli e sugli ultimi mesi a Verona che lo hanno successivamente portato a sposare il progetto del Dibba Fujairah. 

“Sono cose che capitano, io non rimpiango niente. Non ho voluto approfondire la questione perché sono un professionista e non voglio parlar male di nessuno. Ringrazio tutti perché a Verona sono stato bene con giocatori e città. Dopo la salvezza sarei tornato volentieri a inizio stagione, mi sono trovato benissimo in quei sei mesi. A gennaio invece non c’è stata nessuna opportunità. Negli ultimi due anni avevo giocato poco, per motivi strani non mi ero più mosso dal Chievo ed era obbligatorio trovare qualcosa. Volevo fare un’esperienza all’estero e ho accettato subito. Il 24 giochiamo l’ultima partita, poi torno a casa”.

Pucciarelli ha poi ripercorso la sua esperienza ad Empoli, terminata nel 2017  con la retrocessione della squadra: “Di Empoli ho ricordi stupendi, sono arrivato a dieci anni e andato via a venticinque. Abbiamo creato qualcosa di unico con Sarri e proseguito il percorso con Giampaolo. Poi è arrivata quella retrocessione inspiegabile: mi pesa ancora oggi, mai avrei voluto chiudere così. La salvezza era raggiunta, poi sono successe cose strane di cui lì per lì non ci siamo resi neanche conto. In quel momento sono iniziati i momenti difficili anche a livello personale”.

Inevitabile, infine, la parentesi relativa a Giampaolo e Sarri con cui Pucciarelli ha maturato – rispettivamente – 38 e 34 presenze: “Due allenatori forti. Sarri sarebbe rimasto, alla Juventus ha dimostrato tanto. Giampaolo ci è riuscito solo con la Sampdoria e mi dispiace tanto. Sono legatissimo a lui, l’ho sentito per tanto tempo ed è una persona d’oro. Ma si riprenderà: basta dargli fiducia, è un fenomeno”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy