Milan-Juventus, Sarri: “Nessun miglioramento, ma non sono preoccupato. Il ritorno di Chiellini…”

Milan-Juventus, Sarri: “Nessun miglioramento, ma non sono preoccupato. Il ritorno di Chiellini…”

Il tecnico della Juventus ha parlato al termine della sfida contro il Milan

Pareggio last minute per la Juventus.

In occasione dell’andata delle semifinali di Coppa Italia è andata in scena la sfida tra il Milan e la Juventus, che si sono affrontate sul campo dello stadio San Siro: i padroni di casa avevano aperto la gara con il gol di Ante Rebic, ma i bianconeri hanno trovato il gol grazie al calcio di rigore trasformato da Cristiano Ronaldo.

Milan-Juventus, Bonucci: “Un risultato importante, ma non possiamo accontentarci”

Al termine del match il tecnico della Juventus, Maurizio Sarri, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Rai Sport: “In questo momento non vedo un miglioramento. Fino a venti giorni fa eravamo in crescita, in questa fase facciamo fatica. Stasera abbiamo palleggiato bene da dietro ma siamo mancati negli ultimi venti metri. Se il palleggio torna a prendere quota, torneranno anche quelli. Prendiamo gol in circostanze evitabili, anche stasera c’era una palla lenta e facilmente difendibile. Venivamo da una brutta partita, abbiamo fatto piuttosto bene e il risultato può essere buono per il ritorno. Per stasera va bene così. Se avessi risposte certe si partirebbe da 0-0. A volte abbiamo subito gol per qualche leggerezza, stasera non abbiamo attaccato una palla da difendere meglio. Uno degli aspetti era provare a difendere alti, e non portare Ibrahimovic dentro l’area. Anche se la palla non l’ha toccata, è stato fondamentale. Preoccupato non sono, mi sento bene e le preoccupazioni vere le ho solo per la salute. Impensabile crescere con una curva d’ascesa continua, in nessun campo della vita figuriamoci in uno sport umorale e dipendente dalle condizioni mentali. Siamo in un momento di crescita bloccata, ma possiamo ripartire dal palleggio di stasera e lavorare su evitare qualche gol evitabile. Il calcio non è più come pochi anni fa, le squadre che finiscono con 18-20 gol subiti non ci sono più. Ci sembra di prenderne tanti, ma abbiamo due gol presi in più rispetto alla miglior difesa del campionato. Chiellini? Quando si parla di certi giocatori è evidente: mancano a noi come lo farebbero per qualsiasi squadra al mondo. Quando mancano giocatori top qualche ripercussione c’è. Giorgio dà soprattutto personalità ed energia, i tempi di recuperi non li so ma dipenderà soprattutto da lui. Ieri ha fatto 50′ nella prima partitella a tutto campo con le giovanili. Mi ha detto che ha avuto sensazioni discrete, settimana prossima organizzeremo qualcosa di più impegnativo e poi decideremo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy