Inter, Moratti si schiera con Icardi: “Un ottimo capitano. Decisione inutile…”

Le dichiarazioni rilasciate dall’ex presidente dell’Inter in merito alla scelta da parte della società nerazzurra di togliere la fascia a Mauro Icardi

Mauro Icardi non è più il capitano dell’Inter.

Ieri la decisione da parte della società nerazzurra al termine dell’allenamento di rifinitura in vista della sfida contro il Rapid Vienna, valida per i sedicesimi di finale di Europa League ed in programma questo pomeriggio: fischio d’inizio alle ore 18.55. Una scelta – ufficializzata attraverso un tweet – condivisa dall’amministratore delegato Beppe Marotta, dal direttore sportivo Piero Ausilio e dal tecnico Luciano Spalletti, che lo ha successivamente comunicato alla squadra ed al diretto interessato.

Chi indosserà la fascia a partire dal match di oggi è Samir Handanovic. Un vero e proprio fulmine a ciel sereno che ha di fatto spiazzato l’attaccante argentino, che ha deciso dunque di non partire con i compagni di squadra alla volta di Vienna.

Intervistato ai microfoni di Sport Mediaset, l’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti ha scelto di schierarsi a difesa del centravanti originario di Rosario. Di seguito, le sue dichiarazioni.

“Se rimpiango Bergomi e Zanetti? Ho trovato un ottimo capitano anche Icardi ha sempre giocato con entusiasmo serietà e professionalità non ho niente da dire. È colpa mia, è colpa sua, è colpa tua, è stato reso tutto pubblico, è stato messo tutto in piazza e questo non è bello – ha spiegato Moratti -. Mi sembra una cosa inutile, a metà stagione, senza più la possibilità di vendere il giocatore e con degli obiettivi da raggiungere non so che vantaggi possa portare. Una situazione che allontana il giocatore dal club e il club dal giocatore. Cosa avrei fatto io? Non conosco i presupposti, quindi non posso capire le motivazioni per cui è stata presa la decisione. Ci saranno ragioni, strategie interne in cui io non posso entrare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy