Inter, Eriksen: “Stagione di alti e bassi. Non voglio stare in panchina per tutto l’autunno”

Il centrocampista nerazzurro lancia un messaggio chiaro ad Antonio Conte

Eriksen conte

A tutto Eriksen.

Nonostante sia approdato in nerazzurro con i migliori propositi, Christian Eriksen, non è ancora riuscito a conquistare un posto da titolare nell’Inter di Antonio Conte. Una situazione in netto contrasto con il gran numero di presenze maturate nella Nazionale danese. Ed è proprio dal ritiro della sua Nazionale che il centrocampista ha lanciato un preciso messaggio al tecnico nerazzurro.

“Di certo non spero che mi siederò in panchina tutto l’autunno. Almeno non è mia intenzione. Né spero che sia nelle intenzioni del club o dell’allenatore. Ci sarà un numero incredibile di partite in poco tempo, e ora abbiamo anche tre partite delle nazionali in pochi giorni. La Champions League inizia quando torniamo nei rispettivi club, quindi ci saranno molte partite da giocare, sono sicuro che probabilmente avrò i miei minuti. Quindi dipende molto dalle persone all’esterno e io stesso mi aspetto che arrivi questo momento“.

Eriksen fa il punto sul suo attuale stato di forma: “Mi trovo in un punto in cui forse non ero mai stato prima in una squadra di club. Sono partito alla grande dopo essere arrivato all’Inter a gennaio e ho cercato di mettermi in mostra. Poi ci siamo fermati a causa del coronavirus e poi è andato po’ su e giù. Il pensiero e le aspettative della gente su di me come giocatore è quello di essere decisivo in ogni partita, e non è stato così. Ecco perché le persone dall’esterno mi guardano in modo diverso ora. Come giocatore affermato ai massimi livelli per dieci anni, è strano avere improvvisamente lo status di riserva: “Ovviamente diventi meno paziente quando hai esperienza e hai provato cose diverse. Che tu abbia 20, 28 o 30 anni, non ti preoccupi di sederti in panchina , alla fine è sempre spiacevole sedersi in panchina“.

Chiosa finale sul mercato: “Non ho sentito nulla dal mio agente, e se ci fosse stato qualcosa intorno a me, l’avrei sentito da lui o dal club, ma non c’era niente. Mi sono abituato gradualmente al fatto che si scrive molto sulla stampa. Ciò che è vero e ciò che non è vero, non posso rispondere. So solo quello che mi è stato detto e non c’era niente di concreto. Quindi lunedì è stato solo un giorno come tutti gli altri per me, perché non è successo niente“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy