Parma-Genoa, Prandelli: “Sconfitta che brucia, il calcio d’angolo non c’era. Dobbiamo essere più cattivi…”

Le parole del tecnico dei rossoblù al termine della sfida contro i ducali

Il Genoa non riesce più a vincere.

Dopo i due pareggi ottenuti con ChievoFrosinone, i rossoblù sono scesi sul campo del Parma in occasione dell’anticipo serale della ventisettesima giornata di Serie A: i padroni di casa hanno ottenuto i tre punti grazie alla rete dell’ex Juraj Kucka, conquistando momentaneamente l’undicesimo posto in classifica.

Al termine della gara il tecnico del club ligure, Cesare Prandelli, ha parlato ai microfoni di Sky Sport, rilasciando le seguenti dichiarazioni: “Abbiamo avuto anche oggi le nostre occasioni, dobbiamo avere più cattiveria in area di rigore. In questo momento stiamo mancando lì, ma la prestazione è stata buona. A metà del secondo tempo pensavo anche di vincerla questa partita, avevamo un predominio. Ci è mancata la determinazione di andare in area di rigore. Proteste per il gol? Da subito abbiamo visto che non era calcio d’angolo, però purtroppo capita anche questo: non è la prima volta, ma dobbiamo accettarlo. Siamo arrabbiati, molto arrabbiati, perché siamo stati in gara dal primo all’ultimo minuto. Il nostro portiere non ha fatto nemmeno una parata contro il Parma, squadra importante con giocatori fisici che ripartono molto bene. Brucia perché il calcio d’angolo non c’era. Stiamo lavorando per avere un’identità e un concetto nella fase di costruzione e in quella conclusiva. A volte un tocco in più ti fa sbagliare i tempi di gioco. Solo lavorando possiamo migliorare. Nel primo tempo eravamo un po’ bassi, però loro non hanno creato nessuna situazione. All’intervallo abbiamo deciso di alzare questa linea e di pressare più alti: ci siamo anche riusciti, però manca ancora qualcosa“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy