Serie B, il Foggia non si arrende: i rossoneri si alleano col Venezia. La situazione

Serie B, il Foggia non si arrende: i rossoneri si alleano col Venezia. La situazione

Mediagol.it vi propone un estratto di un articolo pubblicato quest’oggi dalla ‘Gazzetta del Mezzogiorno’: “Prosegue la battaglia giudiziaria del Foggia a difesa dei suoi diritti e interessi…”

“Il Foggia non ci sta e si allea col Venezia”.

Titola così la ‘Gazzetta del Mezzogiorno’. D’altra parte, il club pugliese non ha intenzione di arrendersi, e assistito dai legali Antonio Catricalà e Luigi Fischetti, ha deciso di affiancarsi al ricorso presentato al Tar del Lazio dai lagunari, che puntano a non disputare i playout, fissati dalla Lega B per il 5 e 9 giugno tra il Venezia stesso e la Salernitana.

“[…] Prosegue nella battaglia giudiziaria a difesa dei suoi diritti e interessi. Il Foggia ha deciso di affiancare il Venezia nel ricorso d’urgenza presentato al Tar del Lazio dal club veneto, con cui il sodalizio arancioneroverde chiede la sospensione, in via cautelare, dei playout […]. Il club rossonero ha ritenuto opportuno dar man forte alla società veneta, optando per l’ inter vento ad adiuvandum. La società guidata dal presidente Fares e dai patron Sannella continua, dunque, a portare avanti la contesa legale”.

Dopo la retrocessione in Serie C, a seguito della sentenza della Corte Federale d’Appello, che lo scorso 29 maggio, ha annullato la pena comminata al Palermo in primo grado, il Foggia ci riprova ancora una volta, e lo fa, forte del dispositivo del Tar che gli ha già dato ragione lo scorso 23 maggio, in attesa della decisione di merito attesa per martedì 11 giugno.

“Mercoledì scorso, la sentenza della Corte federale d’appello ha salvato il Palermo dal tracollo in C ed ha ribadito, di conseguenza, la retrocessione in terza serie dei «Satanelli», ma il Foggia ritiene che non tutto sia perduto, che la partita non sia ancora finita. Il sodalizio dauno sta percorrendo tutte le strade possibili per rientrare in gioco, forte dei due giudizi a suo favore ottenuti fra il 23 e il 27 maggio scorsi: prima il decreto monocratico del Tar del Lazio, che ha bloccato la delibera con cui la Lega B aveva cancellato i playout (l’ 11 giugno si entrerà nel merito); poi il parere del Collegio di garanzia del Coni, che ha affermato la legittimità dei playout, da disputarsi tra i rossoneri e la Salernitana”.

Venezia e Foggia ora hanno lo stesso obiettivo: dunque, adesso, tutto è nelle mani del Tar del Lazio, se dovesse accettare le ragioni del club di Joe Tacopina si dovrebbe rimescolare ancora una volta tutto.

“[…] Se il Tribunale amministrativo regionale del Lazio dovesse infatti riconoscere come valida la classifica del 13 maggio (quando il Palermo fu declassato all’ ultimo posto dopo la sentenza di primo grado), il Venezia sarebbe salvo e negli spareggi -salvezza dovrebbero sfidarsi Foggia e Salernitana. E se a quel punto la disputa dei playout non dovesse più essere fattibile (dopo oltre un mese dal termine della stagione regolare), la modifica del format (da riportare a 22 squadre) rappresenterebbe l’unica via d’uscita per dirimere la questione. Il Tar dovrebbe pronunciarsi do mani (Figc e Lega B parti resistenti), comunque prima del 5 giugno, data di inizio dei playout. […] L’ ultima partita del Foggia a Venezia. Le due società sono ora unite nel ricorso al Tar Lazio per i play out – si legge –“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy