Foggia in Serie C, Sannella: “Decisione anticostituzionale, pronti a difenderci! Neanche il Palermo ha potuto…”

Foggia in Serie C, Sannella: “Decisione anticostituzionale, pronti a difenderci! Neanche il Palermo ha potuto…”

Il patron del Foggia, Fedele Sannella, si scaglia contro il Consiglio direttivo della Lega Serie B, promettendo una dura battaglia legale

Cancellati i playout.

Dopo la sentenza del Tribunale Federale della FIGC che ha retrocesso all’ultimo posto il Palermo Calcio nell’ambito della sentenza relativa all’illecito amministrativo contestato lo scorso 29 aprile dalla Procura Federale al club di Viale del Fante, il Consiglio direttivo della Lega Serie B ha deliberato all’unanimità di renderla immediatamente esecutiva e di procedere con le partite dei playoff con le date programmate lo scorso 29 aprile, non disputando però i playout: dunque, Perugia ai playoff al posto dei rosanero, Foggia, Padova, Carpi (come deciso dal campo) e Palermo (come deciso dalla giustizia sportiva) in Serie C, Salernitana e Venezia salve.

Dura la reazione dei foggiani, e nello specifico quella del patron del club rossonero, Fedele Sannella, che intervenuto ai microfoni di TeleFoggia, si è scagliato contro il Consiglio direttivo della Lega di Serie B, promettendo loro una pesante battaglia legale: “Noi abbiamo combattuto finora e continueremo a combattere. Faremo tutto quello che è in nostro possesso per cercare di difenderci e tutelarci dalla decisione che hanno preso, una decisione anticostituzionale. Il consiglio è formato da Mezzaroma che è vicepresidente e co-patron della Salernitana, da Santopadre che è presidente del Perugia, cioè da tutte persone interessate. Non hanno dato neanche la possibilità al Palermo di difendersi. Tutte le società sono coinvolte e co-interessate, a partire dal Benevento che scala una posizione e va terza. Loro hanno preso questa decisione inammissibile, ascoltando il parere di un avvocato che non sappiamo chi sia”.

“La nostra società sta valutando e sta seguendo passo dopo passo quello che stanno facendo alla città di Foggia e alla famiglia Sannella – ha raccontato -. I Sannella hanno continuato a tirare fuori soldi visto che altri imprenditori non ci hanno aiutato. Adesso sembrano tutti bravi e i Sannella sembrano essere diventati dei coglioni. Fedele Sannella ha fatto due mesi di galera senza avere colpa, per colpa di un socio che ha fatto il comodo suo. Noi non accettiamo quello che il consiglio di Lega ha fatto. Le regole sono state stabilite ad inizio cambiato e questi signori le hanno cambiate in corsa. Se hanno preso questa decisione è perché sanno che non ci restituiranno neanche un punto. La nostra speranza è una sola: poter partecipare ai playout. E questo vi deve far capire cos’è l’Italia ed è lo specchio della nostra ex bella Italia. Questa è gente che fa male al calcio, fa male allo sport e fa male alla nostra Italia – ha concluso Sannella – “.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy