Fiorentina, Boateng sul razzismo: “Cicatrici che non si possono cancellare, noi soli”

L’attaccante della Fiorentina Kevin Prince Boateng torna a schierarsi ancora una volta contro le discriminazioni raziali

Kevin Prince Boateng torna a parlare del razzismo.

Il calciatore della Fiorentina, da anni in prima linea nella lotta contro la discriminazione razziale che ormai dilaga nel calcio italiano ed estero, ha ribadito ancora una volta la sua posizione in merito. Attraverso il profilo Twitter della società viola, il ghanese ha manifestato la propria amarezza nei confronti dei mancati cambiamenti di questi anni e del ripetersi di tali episodi.

Io spero sempre in comportamenti positivi e mi auguro che il pubblico qualcosa abbiamo imparato e non replichi certi atteggiamenti. Sono stufo, la gente non capisce come si sentono Balotelli, Boateng e Koulibaly quando tornano a casa. Noi siamo soli. Addosso restano cicatrici che non si possono cancellare“.

Fiorentina, Boateng sul razzismo: “Finora non è cambiato nulla, ma continuiamo a lottare”. E Balotelli…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy