“La legalità vincente”, a Favara attendono La Penna ma l’arbitro è assente: il motivo…

L’arbitro di Serie A, Federico La Penna, non si presenta all’Istituto Comprensivo “V. Brancati” di Favara per l’incontro sul tema “La legalità vincente”: la sua è però un’assenza giustificata

Chi attendeva di incontrare il direttore arbitrale di Serie A, Federico La Penna, sarà certamente rimasto un po’ deluso dalla sua assenza (seppur giustificata) in quel di Favara.

(ESCLUSIVA MEDIAGOL: L’arbitro La Penna lavora nello studio associato dell’avvocato che difese l’impresa dell’ex presidente del Frosinone Benito Stirpe)

L’arbitro della Sezione di Roma 1, noto per aver diretto la tanto contestata e rocambolesca finale di ritorno dei play-off di Serie B della scorsa stagione tra Frosinone e Palermo (che ha creato numerosissime discussioni per alcuni errori arbitrali commessi e che ha addirittura condotto in sede giudiziaria le due società), doveva prendere parte presso l’Istituto Comprensivo “V. Brancati” di Favara, ad un incontro sul tema “La legalità vincente“. L’invito era stato rivolto anche ai tifosi, agli allenatori, ai dirigenti delle società calcistiche locali e agli alunni delle classi prime di scuola secondaria di primo grado. La Penna ha però dovuto declinare l’invito a poche ore di distanza dall’incontro. Nonostante l’assenza dell’arbitro che domenica scorsa ha diretto la sfida della massima serie italiana tra Juventus e SPAL, l’evento si è comunque tenuto.

(“La legalità vincente”, ad Agrigento arriva l’arbitro La Penna: il tema dell’incontro…)

Gero Drago, presidente dell’AIA di Agrigento, ha spiegato ai microfoni di Agrigento.it le cause dell’assenza di La Penna all’incontro, concentrandosi soprattutto sullo scopo dell’iniziativa: “Da anni con l’AIA ci impegniamo in un rapporto continuativo con gli istituti scolastici per esportare i principi di legalità, sport e rispetto delle regole. Noi come arbitri, che siamo chiamati ad essere giudici all’interno dei campi di gioco, ci mettiamo a disposizione delle scuole e delle associazioni per potere inculcare alle nuove generazioni il principio più importante: rispettare il prossimo. Oggi volevamo approfittare della presenza di La Penna per far incontrare un arbitro di Serie A ai più giovani e parlare di legalità e rispetto dei regolamenti. Proprio stamattina Federico (La Penna ndr.) mi ha chiamato informandomi che ha avuto un importante problema in famiglia e quindi mi è sembrato rispettoso non chiedere di più, considerato che era tutto già organizzato e lui aveva un grandissimo piacere ad essere presente. Ci eravamo sentiti ieri ed era veramente contento di incontrare i bambini, anche in sezione era tutto organizzato per la riunione tecnica e l’allenamento, che faremo comunque con il presidente regionale. La Penna mi ha promesso che ritornerà e anche il presidente dell’AIA si è scusato con l’associazione e l’istituto Brancati ma mi ha promesso che quanto prima ci metterà a disposizione un arbitro importante, magari internazionale, per poter ripetere questa esperienza, quindi faremo in modo di riparare questo inconveniente, avvenuto sicuramente per motivi importanti“. Di seguito il video dell’intervista integrale.

 

(Aspettando il Benevento: il gol di Zomicci e il mitico Oronzo. La rivincita di Rajkovic, l’improbabile lezione di La Penna e la vittoria del Limoncello)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-1072947 - 2 anni fa

    Forse si è reso conto di essere fuori posto in un contesto in cui si parlava di legalità nello sport

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy