Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

le dichiarazioni

Guerra in Ucraina, Szczesny: “Russia? Mi rifiuto di stare in campo, non giocherò”

TURIN, ITALY - MARCH 12:  Juventus goalkeeper Wojciech Szczesny celebrates after the second goal scored by Cristiano Ronaldo during the UEFA Champions League Round of 16 Second Leg match between Juventus and Club de Atletico Madrid at Allianz Stadium on March 12, 2019 in Turin, Italy.  (Photo by Valerio Pennicino - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Il portiere polacco della Juventus ha annunciato di non voler giocare la sfida per la qualificazione ai Mondiali

Mediagol ⚽️

"Mi rifiuto di giocare contro giocatori che scelgono di rappresentare i valori ei principi della Russia! Mi rifiuto di stare in campo, indossando i colori del mio paese e ascoltando l'inno nazionale della Russia! Mi rifiuto di prendere parte ad uno sport che legittima le azioni del governo russo". 

Questo il toccante messaggio di Wojciech Szczesny, portiere della Juventus e della nazionale polacca, espressosi su Instagram sui recenti tragici avvenimenti tra Russia e Ucraina. L'estremo difensore, attraverso un lungo messaggio diffuso nelle scorse ore, ha annunciato che non giocherà il playoff contro la Russia.

"Mia moglie è nata in Ucraina, nelle vene di mio figlio scorre sangue ucraino, parte della nostra famiglia è ancora in Ucraina, molti dei miei amici sono ucraini e sono tutte persone fantastiche. Vedere la sofferenza sui loro volti e la paura per il loro paese mi fa capire che non posso stare fermo e fingere che non sia successo niente. Nel momento in cui Putin ha deciso di invadere l'Ucraina ha dichiarato guerra non solo all'Ucraina ma anche a tutti i valori che l'Europa rappresenta. Libertà, Indipendenza ma soprattutto Pace. Il 26 marzo avremmo dovuto giocare contro la Russia in una partita di spareggio per la Coppa del Mondo 2022 in Qatar. E anche se il mio cuore si spezza mentre scrivo, la mia coscienza non mi permette di giocare. Rappresentare il proprio paese è il più grande onore nella carriera di un calciatore, ma è pur sempre una scelta. Mi rifiuto di giocare contro giocatori che scelgono di rappresentare i valori ei principi della Russia! Mi rifiuto di stare in campo, indossando i colori del mio paese e ascoltando l'inno nazionale della Russia! Mi rifiuto di prendere parte ad uno sport che legittima le azioni del governo russo. So che il mio impatto potrebbe essere solo simbolico, ma invito FIFA e UEFA ad agire e ritenere la federazione russa responsabile delle loro azioni".

tutte le notizie di