Juventus-Milan, Capello: “Ronaldo non dribbla un avversario da tre anni”. E CR7 lascia lo stadio prima…

Juventus-Milan, Capello: “Ronaldo non dribbla un avversario da tre anni”. E CR7 lascia lo stadio prima…

L’ex allenatore ha commentato la prestazione poco lucida di Cristiano Ronaldo, che ha lasciato lo stadio prima della fine della partita

Continua il periodo negativo di Cristiano Ronaldo.

Tra le mura dell’Allianz Stadium è andata in scena la sfida tra la Juventus e il Milan, che si sono affrontati in occasione del posticipo sera della dodicesima giornata di Serie A. I bianconeri hanno vinto 1 a 0 grazie al gol di Paulo Dybala, che entrato nel corso del secondo tempo al posto di CR7 e ha deciso la sfida con una bellissima azione personale.

Il fuoriclasse portoghese non ha brillato nemmeno in questa partita, e per la seconda volta dopo la sfida di Champions League contro la Lokomotiv Mosca è stato sostituito da Maurizio Sarri, cambio che poi si è rivelato per due volte decisivo. Al termine del match Fabio Capello, a Sky Sport, ha commentato la prestazione di Ronaldo, rilasciando una dichiarazione piuttosto forte: “Cristiano Ronaldo non dribbla un avversario da tre anni“. Un’affermazione che Fabio Caressa ha provato ad alleggerire ironizzando: “Fabio, l’hai toccata pianissimo, devo dire (ride, ndr)“.

Serie A, Juventus-Milan 1-0: ci pensa Dybala, i bianconeri superano a fatica i rossoneri

Risulta comunque evidente che Cristiano non sta vivendo un periodo di forma eccellente, certificato anche dalla contestazione al momento del cambio: CR7 ha lasciato il campo rivolgendosi in modo polemico verso la panchina della Juventus e rientrando direttamente negli spogliatoi. Stando a quanto riportato da Sky Sport inoltre, il portoghese avrebbe lasciato l’Allianz Stadium addirittura prima del fischio finale, segnale ancora più forte di un rapporto che, attualmente, non è di certo idilliaco. La palla passa adesso a Maurizio Sarri, che dovrà riuscire a riportare la serenità all’interno dello spogliatoio e gestire al meglio il suo giocatore più forte per continuare ad inseguire i tre obiettivi stagionali. Intanto con questo successo i bianconeri hanno sorpassato ancora una volta l’Inter, tornando ancora una volta al primo posto in classifica.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy