Cosenza, Corsi sfida il Palermo: “Daremo tutto, non siamo spacciati. Arbitri? Vogliamo rispetto”

Cosenza, Corsi sfida il Palermo: “Daremo tutto, non siamo spacciati. Arbitri? Vogliamo rispetto”

Le parole in conferenza stampa del terzino destro del Cosenza: sabato pomeriggio gli uomini di Braglia sfideranno il Palermo al “Barbera”

Due giorni e sarà Palermo-Cosenza, match valido per l’undicesima giornata del campionato di Serie B.

Intervenuto in conferenza stampa in vista della sfida in programma sabato pomeriggio allo Stadio “Renzo Barbera”, il terzino destro del Cosenza Angelo Corsi ha detto la sua sul momento della sua squadra, reduce dal discusso pareggio contro il Pescara. Di seguito, le sue dichiarazioni.

“Anche se una buona parte di giocatori non avevano mai disputato il campionato di B il livello delle prestazioni è sempre stato alto. Ci siamo adattati alla categoria e come è successo in diverse occasioni nelle partite casalinghe abbiamo quasi dominato la partita, dobbiamo migliorare il livello di attenzione perché appena ci distraiamo e ci abbassiamo veniamo puniti – ha spiegato il classe ’89 -. Adesso andiamo a Palermo dando tutto, non siamo certo spacciati. La classe arbitrale va aiutata negli atteggiamenti in campo, solo a volte si va oltre quando ci si arrabbia. Forse sbagliamo più noi che loro, è innegabile però che dall’inizio del campionato ad oggi non c’è stato un episodio arbitrale a nostro favore. Noi non la stiamo prendendo male, dobbiamo pensare solo a noi. Sicuramente vorremmo un po’ più di rispetto, noi siamo tranquilli e siamo consapevoli che stiamo facendo bene perché questa squadra ha enormi margini di miglioramento. Vanno migliorati gli episodi, senza pensare agli arbitri e agli momenti singoli. Sappiamo che ogni punto può essere fondamentale in un campionato del genere, alcuni punti ci mancano e questo ci fa rabbia”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy