Covid, contagi in risalita in Sicilia. Musumeci: “Serve responsabilità. Nuovo lockdown? Rispondo così”

Le dichiarazioni rilasciate dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci

Coronavirus

Tornano a salire i contagi in Sicilia, dove secondo il bollettino di ieri 16 febbraio nelle ultime 24 ore si sono registrati 625 nuovi casi positività al Covid-19.

Quasi il doppio rispetto al giorno precedente, con il tasso di positività che è passato dall’1,7% al 2,7%. “Il contagio è altalenanteAbbiamo il dovere di seguire il tasso. Non siamo in una zona di allarme, ma non vorrei ci si arrivasse”, ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, intervenuto ai microfoni della stampa presente a Palazzo d’Orleans.

Da lunedì, la Sicilia è tornata in zona gialla. “La zona gialla è patrimonio di tutti. Al Nord in alcuni comuni è stato necessario inasprire le misure, nella nostra regione in questo momento non c’è allarme e confidiamo nel senso di responsabilità collettiva”, ha proseguito il governatore

“Se il tasso resta a questi livelli potremo continuare con la zona gialla e confrontarci col governo nazionale per altre aperture. Aspettiamo di capire quali sono le linee su cui intende muoversi”, ha aggiunto. E in merito alle voci di un nuovo lockdown di due settimane: “Non abbiamo preso in considerazione questa ipotesi, non ci sono i termini per affrontare il tema”, ha concluso Musumeci.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy