AIC, Tommasi: “Per riprendere bisognerà essere sicuri al 100%. Tutto su contratti, scadenze e stipendi”

AIC, Tommasi: “Per riprendere bisognerà essere sicuri al 100%. Tutto su contratti, scadenze e stipendi”

Le dichiarazioni rilasciate dal presidente dell’AIC, Damiano Tommasi, in merito alle possibilità che il calcio italiano possa ritornare in campo a breve

Parla Damiano Tommasi.

L’epidemia da COVID-19 si è progressivamente estesa in tutta Europa, delineando un quadro sanitario estremante complesso in Italia, con un numero ingente di contagiati ed un computo drammatico in termini di soggetti deceduti. Il Governo italiano, per questa ragione, ha scelto di adottare contromisure rigorose ma necessarie per contrastare la diffusione della malattia. Decreti con annesse norme comportamentali di matrice igienico-sanitaria, volti ad evitare assembramenti e a ridurre al minimo i contatti sociali, con l’obiettivo di ridurre drasticamente il rischio di ulteriori contagi. I provvedimenti istituzionali hanno avuto importanti ripercussioni anche sul mondo dello sport, dove le attività agonistiche sono state bloccate fino a data da destinarsi nel pieno rispetto delle norme ministeriali.

Belgio, stop al campionato e classifica cristallizzata: il Club Brugge vince il titolo

Il presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss, ha parlato della drammatica situazione che l’Italia sta vivendo e delle possibilità che ha il calcio di ripartire in breve tempo: “Per concludere i campionati in piena estate bisogna cambiare anche le norme in ambito contrattualistico. Poi prima di riprendere c’è bisogno anche di impostare un discorso medico di grande prudenza. Stiamo monitorando la situazione anche con i protocolli di prevenzione. Per riprendere bisogna essere sicuri al 100%. Con una seconda ricaduta produrremmo un danno ancora peggiore. Quindi la ripresa dovrà essere ponderata nella maniera giusta. Bisogna capire se si riprende e quando si torna. Sicuramente la riduzione degli stipendi non è la priorità, ma capire quando e se si tornerà. Se il campionato si fermerà allora bisognerà discutere in modo collettivo su queste 4 mensilità. I giocatori in scadenza 30 giugno? È uno degli argomenti principali su tutti i tavoli di discussione. Per i contratti in scadenza sarebbe da capire come gestirli, ma sempre in maniera collettiva avendo delle linee guida generali, perché sono diversi da paese a paese”.

Coronavirus, Spadafora: “Piano straordinario per ripresa sport a maggio, ma serve una cosa”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy