Chievo, Pellissier licenzia Ventura: “Troppo facile così, non fate come lui”

Chievo, Pellissier licenzia Ventura: “Troppo facile così, non fate come lui”

L’analisi dell’attaccante dei gialloblu che ha attaccato l’ex commissario tecnico dell’Italia che nella serata di ieri ha rassegnato le proprie dimissioni

La stagione del Chievo ha preso una piega davvero negativa.

La penalizzazione a inizio di campionato è stata solo il primo episodio di un campionato che al momento vede i clivensi all’ultima posizione in classifica a quota 0 punti. Una serie di sconfitte consecutive ha peggiorato ulteriormente la situazione del club gialloblu che ieri pomeriggio ha ottenuto un punto nel 2-2 casalingo contro il Bologna. Al termine della sfida del Bentegodi però, l’ormai ex allenatore dei padroni di casa, Giampiero Ventura, ha deciso di rassegnare le dimissioni. Decisione non approvata soprattutto da parte dei senatori della squadra, ai quali ha dato voce un messaggio postato su instagram dal veterano Sergio Pellissier.

“In questa foto c’è tutta la rabbia che ho in questo momento. Estate pesante con il problema plusvalenze, un inizio di stagione da dimenticare e per dire che non c’è mai fine al peggio le dimissioni di un mister che dal primo momento che è arrivato se ne voleva già andare. Pazzesco!!! In 22 stagioni da professionista pensavo di aver visto tutto ma sono costretto ad ammettere che c’è sempre qualcosa di nuovo. Comunque al Chievo siamo abituati ad essere sempre in difficoltà e ne usciremo a testa alta alla faccia di tutti quelli che in questo momento si stanno divertendo alle nostre spalle. Non si può ottenere qualcosa nella vita senza lottare non ci sarebbe gusto no? Ripartiamo ancora da zero e questa volta saremo ancora più forti. Chi ama questa squadra non la può abbandonare solamente perché le cose vanno male, non è così che si fa, non fate come Ventura, si vince e si perde insieme come deve essere in una squadra. Mai mollare fino alla fine”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy