Pescara-Brescia, Corini: “La società ha fatto un ottimo mercato. Siamo i più forti? Rispondo così…”

Le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Brescia al termine della sfida contro il Pescara: 1-5 è il risultato finale

“Una straordinaria prova di forza”.

Parola di Eugenio Corini. Il tecnico del Brescia, intervenuto ai microfoni della stampa al termine della sfida contro il Pescara, ha analizzato la prestazione offerta dalla sua squadra nel match valido per la ventiduesima giornata del campionato di Serie B. Grazie alle reti messe a segno da Alfredo Donnarumma, Simone Romagnoli, Dimitri Bisoli ed Ernesto Torregrossa, la compagine lombarda è volata momentaneamente al primo posto in classifica, in attesa della sfida Palermo-Foggia, in programma questa sera allo Stadio “Renzo Barbera”.

“Abbiamo rischiato all’inizio, poi dominato per tutto il primo tempo: e nonostante un po’ di sofferenza quando loro hanno inserito un’altra punta per cercare di recuperare, ho sempre avuto l’impressione di un totale controllo del match. Venire qui a giocare con questa attenzione e con questa personalità è stato molto importante. E’ stata una prova di grande maturità che deve creare quella consapevolezza delle nostre potenzialità. Ma non pensiamo di essere diventati troppo bravi e che tutto ora ci arrivi dal cielo senza mettere impegno e attenzione, perché sarebbe l’inizio della fine. Ora siamo chiamati a fare un campionato che è cambiato nelle aspettative e dovremo essere capaci e bravi a portarlo a casa lottando come abbiamo fatto oggi. Devo fare anche i complimenti alla società perché ha fatto un ottimo lavoro in questa sessione di mercato. Acquisti mirati, si è operato con estrema serenità cercando di inserire ragazzi che potessero completare la nostra rosa senza stravolgere certi equilibri”, sono state le sue parole.

“Nei primi cinque minuti il Pescara è stato molto pericoloso, poi abbiamo preso in mano la partita. Secondo me abbiamo fatto molto bene, eravamo sempre in controllo e sapevamo uscire dalla loro pressione, dalle situazioni di pericolo. Abbiamo fatto tre gol, forse potevamo farne anche altri. Il secondo tempo è stato più aperto: il Pescara ha cambiato sistema e ha giocato con una punta in più, ha creato anche situazioni pericolose. Hanno fatto gol loro e lo abbiamo fatto anche noi – ha proseguito Corini ai microfoni di TVSEI -. Potevano essercene anche altri, ma la sensazione era quella di avere la partita in mano e infatti l’abbiamo portata a casa. La squadra più forte del campionato ora è il Brescia? Sì, era importante acquisire ulteriore consapevolezza. Come dico sempre ai miei ragazzi la consapevolezza non deve mai scadere in superficialità, perché questo sarebbe l’inizio di qualcosa di non positivo. La consapevolezza vuol dire grande attenzione dei particolari, la volontà di fare una nostra idea di calcio e portarla in campo, che anche quando stiamo difendendo c’è sempre l’idea di andare a far male all’avversario: questa è la mentalità che abbiamo costruito insieme ed è quella che ci deve portare fino alla fine”, ha concluso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy