Bologna-Fiorentina, Mihajlovic: “Non è un derby, possiamo vincerle tutte. L’Atalanta e quel 5-0…”

Le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Bologna

Ferrero

Poco più di ventiquattro ore e sarà Bologna-Fiorentina.

Diversi sono i temi trattati dal tecnico Sinisa Mihajlovic, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro gli uomini di Giuseppe Iachini, in programma alle ore 15 allo Stadio “Renato Dall’Ara”: dall’obiettivo salvezza, al momento della sua squadra, reduce dalla sconfitta per 5-0 maturata contro l’Atalanta.

“I primi venti minuti siamo stati superiori, poi il rigore e l’espulsione… e ci mancavano 8, 9 giocatori. La prestazione dopo l’espulsione non c’è più stata, ma sarebbe stato lo stesso a parti invertite. Io guardo i primi 20 minuti. Poi c’è da dire che l’Atalanta è più forte, ma finchè siamo stati in 11 la partita è stata equilibrata. Quando prendi 5 gol, e può succedere visto anche il rigore e l’espulsione, è sempre difficile accettarlo. I ragazzi, però, questa settimana hanno lavorato benissimo. Si sono allenati con grande concentrazione. Erano convinti, erano li con la testa. Sono contento perché se giochiamo come ci siamo allenati abbiamo grandi possibilità di vincere. Sono stati bravi a lasciarsi quanto successo alle spalle, a resettare e ripartire. Speriamo che già da domani si raggiunga la salvezza”, sono state le sue parole.

FIORENTINA – “La Fiorentina sta bene, ieri sono andati in ritiro per volontà dei giocatori e questo fa capire come affronteranno la partita. Ma noi abbiamo grandi possibilità di vincere. Derby? Per me è derby per due squadre della stessa città… Qua a Bologna ci sono 10 derby. Ma è comunque una partita importante. Ci mancano 7 giocatori, e questo ci metterà in difficoltà però il recupero di Tomy ci da qualche possibilità in più in difesa. Finalmente recupera Tomiyasu? Non correre… Dovrebbe stare bene, ieri ha fatto il primo allenamento. Oggi però faremo un allenamento più intenso, spero di recuperarlo. Può giocare a destra e a sinistra. In una delle due fasce giocherà. De Silvestri ha fatto bene a sinistra e non era la sua prima volta. Vedremo come schierare entrambi. Ma ci mancano comunque altri 7 giocatori”.

OBIETTIVO – “Se uno vuol fare bene il proprio lavoro il minimo che può fare è non sbagliare atteggiamento e dare il massimo. Poi le partite si possono sbagliare ma bisogna sempre uscire dal campo con la coscienza pulita. L’obiettivo minimo è quello della salvezza e domani potremmo raggiungerlo. Poi rimangono 4 partite che se giochiamo come dio comanda ci permetteranno di aggiungere tutti gli altri obiettivi, ma andiamo step by step. Non siamo mai andati nella mischia delle retrocessione e vista la stagione credo sia un buon risultato. Poi noi tutti vorremmo andare in Europa. I conti comunque li faremo alla fine, chi l’ha detto che non possiamo vincere tutte e cinque le prossime partite? Ė un buon risultato arrivare a cinque partite dalla fine con gli obiettivi che dipendono tutti da te: con 5 vittorie potremmo fare anche il record di punti”.

GLI INFORTUNI – “Con meno infortuni si sarebbero potuti ottenere più punti? Gli infortuni fanno parte del calcio e questa è una situazione che hanno affrontato tutti. Con più giocatori disponibili avremmo avuto più scelte durante le partite ma quello che abbiamo fatto lo abbiamo fatto a prescindere dagli infortuni: la prestazione c’è sempre stata. Per quello che abbiamo prodotto meritavamo di più, ma se le cose si ripetono sempre ė un nostro difetto. Si poteva fare meglio, ma anche peggio. Con i tanti giocatori mancanti non possiamo gestire molto. Gestiremo le forze in settimana e durante le partite”, ha concluso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy