Bari, il ritorno di Auteri: “Ho dato una scossa, i calciatori conoscono la verità. Ecco come giocheremo”

Le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Bari

bari

“Abbiamo fatto 4-5 giorni di lavoro. Ho trovato una squadra un po’ pessimista, ma è normale”.

Lo ha detto Gaetano Auteri. Dopo il pareggio contro il Palermo e l’esonero di Massimo Carrera, la dirigenza del Bari ha scelto di affidare ancora una volta la guida tecnica della prima squadra a Gaetano Auteri, tecnico che aveva guidato i Galletti fino al 9 febbraio scorso. E oggi l’allenatore siciliano è intervenuto in conferenza stampa. Diversi i temi trattati, di seguito le sue dichiarazioni.

“Abbiamo ripreso i concetti che conoscevamo. Di questi giorni di lavoro sono soddisfatto, ho trovato grande disponibilità. Questa squadra, lo ripeto, ha grande qualità. Come giocheremo? Al di là dei numeri, che dipendono dall’organico a disposizione e da chi sta meglio, giocheremo cercando di fare le partite, alzando i ritmi. Dovremo creare e non concedere. Sono positivo. Questa è una squadra forte, fatta da uomini e persone per bene. Problemi gravi o grandi non ce ne sono. Avremo un’altra faccia. Se giocheremo col 3-4-3? Probabilmente sì. Possiamo fare tante cose e giocare sempre da squadra. Antenucci è un calciatore forte, motivato”, sono state le sue parole.

LA VERITA’ – “Cosa ho fatto dopo l’esonero? Ho visto calcio a tutte le latitudini. Nessuna polemica, nella mia carriera è la quinta volta che succede. Poi sono stato richiamato. A questo punto qualche valore ce l’ha questa cosa. Sarei felicissimo di dare una mano per centrare un traguardo ambito. Ho trovato un gruppo con qualche dispersione: qualcuno ha lasciato andare il senso di appartenenza che prima era presente in tutti. Ho dato una scossa e ho trovato le porte aperte. Questa squadra ha tante armi. I calciatori così stupidi non sono: loro conoscono la verità, insieme potremo fare un percorso importante. Non sempre nel calcio si può dire che ciò si pensa, ma dal punto di vista della coscienza loro sanno la verità”.

FUTURO – “Non ci voglio pensare. Gli accordi e i contratti non hanno grande valore. Però qualche errore lo abbiamo commesso, tutti. Bisogna evitarli. Una costruzione del gruppo a rilento, alcune frenesie nelle scelte. Forse non c’è stata pazienza nell’ambiente. Poi i risultati pazzeschi della Ternana, a cui faccio i più sinceri complimenti: non si è mai vista una media punti così in cent’anni. Questo ha messo pressione. Abbiamo sbagliato tutti. Chi lavora è soggetto ad errori. Chi è dietro una scrivania sbaglia meno. Non sempre ho avuto rapporti buoni con le squadre che ho allenato: con questo gruppo sì”, ha concluso Auteri.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy