Coronavirus, primo calciatore positivo dell’Atalanta: è il portiere Marco Sportiello

Coronavirus, primo calciatore positivo dell’Atalanta: è il portiere Marco Sportiello

Il primo giocatore dell’Atalanta risultato positivo al tampone per il Coronavirus è stato il portiere Marco Sportiello

E’ Marco Sportiello il primo caso positivo dell’Atlalanta.

Il Coronavirus sta continuando a dilagare senza sosta in Italia ma anche nel resto del mondo ed era inevitabile che anche i giocatori di calcio sarebbero stati ad alto rischio di contagio vista soprattutto la decisione di giocare le gare a porte chiuse nonostante la crisi sanitaria fosse già ben avviata.

Coronavirus, Cobolli Gigli: “Juventus? Ecco quando è degenerata la situazione, Ronaldo e Higuain sarebbero dovuti restare in quarantena”

Ad altissimo rischio erano i giocatori dell’Atalanta, sia perché la città di Bergamo sta vivendo un momento incredibilmente critico sia dal punto di vista dei cittadini positivi al tampone sia purtroppo per numero di deceduti, sia perché tanti calciatori del Valencia erano stati contagiati dal virus: le due squadre avevano giocato contro recentemente in due occasioni, ossia l’andata e il ritorno degli ottavi di Champions League.

Bombardini-Mediagol: “Coronavirus? Esco solo per la spesa, restare a casa è doveroso. Atalanta-Valencia? Due procuratori presenti a San Siro…”

Oggi il club orobico ha infatti comunicato di aver riscontrato il primo caso positivo tra i giocatori dell’Atalanta: si tratta del portiere Marco Sportiello, che attualmente è asintomatico e in quarantena come tutti i suoi compagni di squadra. Questo il comunicato della Dea: “Con la presente si informa che le autorità sanitarie locali hanno comunicato in data odierna al Club la positività al Covid-19 del calciatore Marco Sportiello. Marco attualmente è asintomatico. La quarantena preventiva, a cui erano stati sottoposti Marco e tutti i tesserati della prima squadra, terminerà in data 27-03-2020“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy