Atalanta-Napoli, Gasperini: “Partita trappola, vittoria preziosa in vista del Real Madrid. Rigore? Grande quanto una casa”

Il tecnico dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini, dopo il successo contro il Napoli

Atalanta

Il tecnico del tecnico dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini.

Atalanta

Al termine del match del “Gewiss Stadium”, l’allenatore orobico, Gian Piero Gasperini, nel corso dell’intervista post gara ai microfoni del format “Sky Sport”, racconta le sensazioni a caldo dopo il successo ottenuto dalla sua squadra contro il Napoli. Di seguito le dichiarazioni del tecnico della “Dea”.

 “Vincere una partita così in questo modo, resa molto complicata, oltre le nostre possibilità, è una grande spinta per mercoledì. E’ un risultato fondamentale, ci mette bene in classifica e ci fa arrivare alla sfida col Real nelle condizioni migliori almeno dal punto di vista del morale. Sono come uno che è passato sotto un treno e non si è fatto niente. Abbiamo rischiato di brutto oggi, è andata bene così. L’abbiamo vinta perché abbiamo creato tanto, ma la partita era una trappola. Questo tipo di partite di cartello sono molto difficili, è stata davvero una gara pesante”.

QUESTA LA FORMAZIONE ANTI REAL MADRID? – “Questo non lo posso dire, vediamo. Intanto questa è una vittoria importante per il campionato. Noi volevamo stare dentro a tutto, l’abbiamo sempre detto. Ora ci sono campionato e Champions dove ci sono tutte partite dure, poi penseremo alla Coppa Italia”.

GARA PESANTE – “La direzione di gara è stata pesantissima. E il Napoli è forte. Quindi tutte e due”.

EPISOFIO DA RIGORE SU PESSINA – “Questo è un episodio da rigore, da gol. Ma ce ne sono tanti altri che non sono così determinanti che sono stati davvero pesanti da sopportare”.

L’ESPULSIONE –  “Ho detto che era un rigore grande quanto una casa. Uno che s’intende un po’ di dinamica del calcio vede che c’è stato il tocco, non serve stare a 10 metri, basta stare da 70 metri. Mi sono limitato a dire questo, il quarto uomo ha pensato bene di chiamare l’arbitro per mandarmi fuori. E’ un brutto episodio anche questo rosso. Ma abbiamo vinto. Dobbiamo stare attenti perché la battaglia in campionato è molto dura. Oggi siamo passati sotto un treno e non ci siamo fatti niente. Sono un po’ arrabbiato, come tutti quanti i miei giocatori. E’ inusuale vincere 4-2 col Napoli ed essere furibondi come lo erano molti giocatori. Ma prendiamoci questa soddisfazione, magari ci dà adrenalina per la prossima partita”.

VERSO LA SFIDA CON IN REAL MADRID? – “So che è una partita che si gioca nelle due gare. Vorremmo andare a Madrid ed essere ancora in corsa. Non ci snatureremo, ma bisogna avere attenzione per la qualità e la forza dell’avversario. Il Real Madrid non ha bisogno di tante occasioni per segnare. Noi dovremo cercare di non snaturarci per fare gol. Non solo difendere”.

IL SALTO DI QUALITA’ DI LUIS MURIEL – “Ha le capacità di un top player, quest’anno più ancora che l’anno scorso ha condizione. Il gol che ha fatto è meraviglioso e fa coppia con altre giocate. Ha condizione mentale, fisica, atletica. Ha fatto un salto di qualità formidabile. Non è vero che gioca poco”.

SU ILICIC – “Ha fatto alcune partite straordinarie. Devo vederlo bene, perché davanti ci sono i ragazzi che si stanno inserendo bene. Lui ha un po’ di alti e bassi, ma appena ritroverà la condizione giusta rappresenterà un valore aggiunto per noi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy