Atalanta, Ilicic ammette: “Ho avuto paura di morire come Astori, non riuscivo più a dormire”

Atalanta, Ilicic ammette: “Ho avuto paura di morire come Astori, non riuscivo più a dormire”

Il fantasista del club orobico ha confessato le paure patite durante il periodo di stop

Josip Ilicic si confessa, ripercorrendo il periodo terribile che lo ha visto protagonista nei primi mesi della stagione.

L’attuale fantasista dell’Atalanta, approdato in Italia con la maglia del Palermo, è tornato a parlare dell’infezione batterica ai linfonodi del collo che ha condizionato il suo inizio di campionato. Il calciatore sloveno ha ammesso di aver avuto paura e di aver pensato costantemente alla tragedia legata a Davide Astori. Le dichiarazioni dell’attaccante del club orobico nel corso dell’intervista rilasciata al Corriere dello Sport.

“Quello che è successo ad Astori mi è rimasto in testa per giorni. Non riuscivo più a dormire perché ci pensavo sempre. E quando sono stato male quest’estate ho pensato davvero che potesse capitare anche a me. C’è stato un periodo in cui avevo paura di andare a letto e addormentarmi. Ho avuto paura. Dicevo: e se domani mattina non mi sveglio? Come farò a non vedere più la mia famiglia? Ci sono persone che col mio stesso problema sono finite in coma. A me l’infezione è rimasta circoscritta ai linfonodi del collo, ad altre persone si è estesa. Se ci penso…Diciamo che guardo oltre il calcio. Faccio il mio lavoro sul campo, poi torno a casa dai miei cari e li voglio sempre accanto. La vita è breve. Sono più forte di testa, lì è cambiato qualcosa. Prima mi arrabbiavo per stupidaggini, ora vivo meglio. Ho smesso di guardare partite e calcio in tv, ho pensato solo alla mia famiglia per salvarmi e guarire. A un certo punto ho sperato anche solo di poter tornare a camminare come una persona normale, neanche fare il calciatore… poi ne sono uscito del tutto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy