Ascoli, pres. Pulcinelli sul caso Stellone: “Una sconfitta per tutti, ma curo interessi della società”

Massimo Pulcinelli, presidente dell’Ascoli, dice la sua in merito all’esonero del tecnico Roberto Stellone a causa della crisi economica del club dettata dal Coronavirus

pulcinelli

Prosegue la bufera mediatica legata al licenziamento di Roberto Stellone.

L’Ascoli, a causa della crisi economica dettata dall’emergenza Coronavirus in Italia, ha deciso di risolvere il contratto con il tecnico ex Palermo, approdato sulla panchina bianconera lo scorso febbraio a seguito dell’esonero di Paolo Zanetti (che risulta ad oggi ancora stipendiato insieme al suo staff). Un provvedimento, legato alla necessità di adottare misure di contenimento dei costi, che ha inevitabilmente generato polemiche. L’allenatore romano, infatti, non sembra essere intenzionato ad accettare la separazione forzata – ritenuta inammissibile – e, attraverso il suo legale, ha annunciato che ricorrerà ad una battaglia giudiziaria.

Ascoli, ufficiale: il club licenzia Roberto Stellone, squadra affidata ad Abascal. Il motivo…

Il presidente bianconero Massimo Pulcinelli, in un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport, ha spiegato le ragioni della decisione presa dal club marchigiano: “Quello che bisogna capire è che il tema centrale si chiama Covid-19. Parliamo di un evento straordinario che ha comportato il superamento delle norme vigenti per ogni tipo di contratto. Non ci sono eccezioni. Sto leggendo dichiarazioni di tanti avvocati e ci tengo a precisare che non ho la presunzione di avere ragione. Sto semplicemente curando gli interessi della società che rappresento. Oggi, cosi come gli altri club, non abbiamo più entrate e stiamo subendo danni per un ammontare di molti milioni. Usciremo tutti sconfitti da questa situazione, quindi ad essere penalizzato non è il solo Stellone“.

Ascoli, bufera Stellone. Parla il suo legale: “L’esonero è nullo, pronti a chiedere il risarcimento”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy