Rosario Central, Lavezzi torna in campo dopo il ritiro? Kily Gonzalez: “Per lui porte aperte”

Le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Rosario Central

Lavezzi

Era il 27 novembre 2019 quando Ezequiel Lavezzi ha scelto di appendere gli scarpini al chiodo.

L’ex attaccate originario di Rosario, al termine di una partita giocata con il club cinese Hebei CFFC, ha annunciato il suo addio al calcio giocato all’età di 34 anni, attraverso un messaggio pubblicato sui social. “Sarà la mia ultima partita come calciatore professionista. Sono stato molto felice all’interno del campo, me ne vado sentendomi utile! Grazie a tutti per il vostro affetto”, le sue parole.

In Cina, in tre anni e mezzo, il Pocho ha messo a segno 35 gol. Con la maglia del Napoli, invece, dal 2007 al 2012, ha segnato 38 gol in 156 presenze e vinto una Coppa Italia, mentre con la Nazionale argentina ha collezionato 51 presenze, siglando nove gol e arrivando secondo ai Mondiali del 2014. Reti e prestazioni che continuano a fare gola. Sì, perché nonostante il ritiro, il nome di Lavezzi è stato accostato di recente al Rosario Central, club che milita nella Primera División, la massima divisione del campionato argentino di calcio.

Chi sarebbe pronto ad accoglierlo è il tecnico Kily Gonzalez. Nei mesi scorsi, secondo quanto riportato dai media argentini, l’ex centrocampista di Valencia e Inter avrebbe contattato l’attaccante per fargli sapere che per lui le porte sono aperte, provando a convincerlo ad accettare la proposta. “Mi servono almeno due attaccanti, un centrocampista e un difensore centrale. Parlo molto con la società per rinforzare la rosa”, ha dichiarato Kily Gonzalez, come riportato dal noto quotidiano ‘Olé’. “Lavezzi? Per lui le porte sono sempre aperte. Marco Ruben? Non ho parlato con lui. Ho la responsabilità di decidere chi verrà al Central. Chi vuole venire deve accettare le mie condizioni”, ha proseguito.

Ma non solo; Gonzalez ha detto la sua anche sulle prestazioni offerte fin qui dalla compagine argentina. “Sono convinto che questo percorso darà i suoi frutti. I ragazzi conoscono il mio modo di lavorare e sanno quello che voglio”, ha concluso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy