River Plate-Boca Juniors, Schelotto: “Abbiamo dato tutto. Aggressioni? A livello sportivo è tutto finito…”

River Plate-Boca Juniors, Schelotto: “Abbiamo dato tutto. Aggressioni? A livello sportivo è tutto finito…”

Il tecnico degli Xeneizes ha parlato della sconfitta subita nella finale di ritorno della Copa Libertadores

Il River Plate vince la folle sfida del Santiago Bernabeu.

Nello stadio del Real Madrid è andato in scena il ritorno della finale di Copa Libertadores tra i Millonarios e il Boca Juniors: gli ospiti erano passati in vantaggio grazie alla rete di Dario Benedetto, ma i padroni di casa sono riusciti a firmare una clamorosa rimonta con i gol di Lucas Pratto, Juan Quintero e Gonzalo Martinez, conquistando il titolo di campioni.

Al termine della gara il tecnico degli Xeneizes, Guillermo Schelotto, è intervenuto in conferenza stampa, commentando così la prestazione dei suoi uomini: “Prima di tutto voglio ringraziare i miei giocatori, che anche in inferiorità numerica hanno dato tutto per pareggiare. Poi voglio fare i complimenti al River, che ha vinto la Copa Libertadores. Questa era una finale molto equilibrata, entrambe le squadre avrebbero potuto vincere e a fare la differenza è stato solo il tiro mancino di Quintero. Abbiamo fatto molto bene, controllando la partita soprattutto nel primo tempo. Anche dopo l’1-1 del River abbiamo tenuto bene botta, qualcosa però è cambiato dopo l’espulsione di Barrios al 95′. Sono molto triste per questa sconfitta, avrei voluto regalare la coppa ai tifosi del Boca. Hanno fatto grandissimi sforzi, sono arrivati a Madrid da tutte le parti del mondo. Possono però essere contenti del carattere e del cuore che i nostri giocatori hanno messo in campo, anche in dieci. Sento un dolore enorme per me, ma soprattutto per la gente. In campo hanno espresso tutti quello che volevo. Mi sono sentito identificato nel gioco e nel carattere dei miei giocatori. Non c’è rammarico, abbiamo dato tutto“.

Infine, sulle aggressioni avvenute a Buenos Aires: “A livello sportivo per me è tutto finito. Se guardiamo al resto, mi auguro che la CONMEBOL prenda dei provvedimenti perché episodi come quello di Buenos Aires non risuccedano più. Non è normale che i tifosi lancino pietre al pullman della squadra avversaria“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy