Tottenham, Pochettino svela: “Ho trascorso 10 giorni chiuso in casa senza voler uscire, vi racconto perché”

Tottenham, Pochettino svela: “Ho trascorso 10 giorni chiuso in casa senza voler uscire, vi racconto perché”

Il tecnico del Tottenham, Mauricio Pochettino, è tornato a parlare della deludente sconfitta in Champions League per mano del Liverpool

“Dopo la finale di Champions League, mi sono chiuso a casa per dieci giorni”.

Lo ha detto Mauricio Pochettino. L’allenatore del Tottenham, intervenuto ai microfoni di Standard, è tornato a parlare della dolorosa sconfitta in finale per mano del Liverpool: “Sono stato davvero molto male. Quel momento posso paragonarlo solo all’estate del 2002 quando, nel giro di una settimana, fummo battuti dall’Inghilterra e pareggiamo con la Svezia, venendo eliminati dalla fase a gironi del Mondiale. Entrambi sono i momenti peggiori della mia carriera”. 

Abbiamo vissuto tre settimane incredibili di preparazione alla finale e siamo rimasti enormemente delusi dalla sconfitta subita. Dopo un ko del genere – ha raccontato il tecnico -, senti solo il bisogno di tornare a casa. Così, il giorno dopo, ho preso un treno da Madrid a Barcellona. Ho trascorso 10 giorni chiuso in casa mia e non volevo uscire. E’ stato difficile perché siamo arrivati a un passo dalla gloria. Tutti gli sforzi fatti per arrivare alla finale sono stati incredibili, ma arrivati a quel punto vuoi vincere e se non ci riesci il dispiacere è enorme. Perché sai quanto è difficile arrivarci di nuovo la prossima stagione: recuperare le energie e riprovarci di nuovo”. 

Il momento della rinascita: “Ho parlato con Jesus Perez (il suo assistente) ogni giorno per cercare di capire quella sconfitta. Cerchi sempre di analizzare, ma alla fine sono i piccoli dettagli a fare la differenza. La mia famiglia ha cercato di risollevarmi, ma eravamo tutti nella mia stessa situazione. Dopo alcuni giorni sono andato a giocare a golf con mio figlio: ero concentrato nel provare a colpire perfettamente la pallina, ma era impossibile. Poi ho iniziato a guardare avanti. Tutti hanno riconosciuto il nostro fantastico lavoro e anche questo mi ha aiutato. La gente mi fermava nei ristoranti e si complimentava”. 

Un bilancio degli anni trascorsi sulla panchina del Tottenham: “Se si analizza il nostro percorso da quando sono arrivato nel 2014, tutte le altre big inglesi hanno speso tanto per arrivare dove siamo arrivati noi. È il Tottenham a dover essere un’ispirazione per le altre squadre di Premier. La cosa più importante è la cultura, la filosofia che abbiamo creato nel club in questi ultimi cinque anni. Alla fine non so se otterremo un trofeo, ma ci siamo davvero vicini”, ha concluso Pochettino.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy