Tottenham, Mourinho è l’erede di Pochettino: firma fino al 2023. Lo Special One: “Sono eccitato”

Lo Special One è il nuovo allenatore degli Spurs

Ecco l’erede di Mauricio Pochettino.

Ieri sera il Tottenham aveva annunciato a sorpresa l’esonero del tecnico argentino, che dopo cinque anni e una finale di Champions League persa la scorsa stagione contro il Liverpool ha interrotto la sua avventura in Inghilterra.

Tottenham, è ufficiale: esonerato Pochettino. Il comunicato del club

Questa mattina, in maniera ancora più sorprendete e inaspettate dell’esonero di Pochettino, gli Spurs hanno comunicato il nome del nuovo allenatore: si tratta di José Mourinho, ancora libero dopo l’ultima esperienza sulla panchina del Manchester United.

Mourinho, la rivelazione dello Special One: “Ho il fuoco dentro, ma non alleno perchè…”

Il tecnico portoghese non allenava ormai da quasi un anno, visto che la sua avventura con i Red Devils si era interrotto il 18 dicembre 2018. Questo il comunicato ufficiale del club: “Siamo lieti di annunciare che José Mourinho sarà il nuovo allenatore del Tottenham fino alla stagione 2022/23. José è uno degli allenatori più affermati al mondo che ha vinto 25 trofei. E’ noto per la sua abilità tattica e ha allenato Porto, Inter, Chelsea, Real Madrid e Manchester United. Ha vinto il titolo nazionale in quattro paesi diversi (Portogallo, Inghilterra, Italia e Spagna) ed è uno dei tre allenatori ad aver vinto due volte la Champions League, con il Porto nel 2004 e con l’Inter nel 2010. Ha vinto inoltre tre volte la Premier League con il Chelsea (2005, 2006, 2015)“.

Il presidente del Tottenham, Daniel Levy ha commentato così la scelta di Mourinho: “José Mourinho è uno dei più importanti manager del calcio. Ha una vasta esperienza, può ispirare le squadre ed è un grande tattico. Ha vinto titoli in ogni club che ha allenato. Crediamo che porterà energia e convinzione nello spogliatoio“.

Lo Special One ha anche rilasciato le sue prime dichiarazioni da tecnico degli Spurs, mostrando tutto il suo entusiasmo: “Sono eccitato per essere in un club con una così grande eredità e con tifosi così tanto appassionati. La qualità della squadra e dell’academy mi eccita. Mi attrae l’idea di lavorare con questi giocatori“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy