Leicester, l’autogol di Perez: party nell’era Covid, il club esclude tre giocatori. Quel messaggio di Rodgers…

Choudhury, Maddison e Perez non sono stati convocati per la sfida West Ham-Leicester di Premier League

premier league

Il Leicester ha scelto di escludere tre giocatori.

Il tecnico Brendan Rodgers, intervenuto in conferenza stampa dopo la sconfitta contro il West Ham in Premier League, ha svelato i motivi che hanno portato all’esclusione dei centrocampisti Hamza Choudhury e James Maddison, oltre che dell’attaccante Ayoze Perez. “Dobbiamo trasmettere valori positivi e lanciare segnali in questa direzione: se non diamo qualche punizione, i giovani non impareranno mai. Prepariamo le partite in un certo modo, ho a disposizione dei bravi ragazzi ma, chi viola il protocollo, è fuori”, le sue parole.

Nel dettaglio – secondo quanto riportato dal ‘Sun’ – i tre calciatori (ma nella vicenda sarebbe coinvolto anche Harvey Barnes, squalificato) hanno preso parte ad un party organizzato dallo stesso Perez, al quale hanno partecipato una ventina di persone. Nel corso della serata, però, sarebbe arrivato un messaggio di Rodgers, che ha consigliato ai suoi di interrompere la festa poiché di lì a poco sarebbe arrivata la polizia.

A quel punto, gli invitati si sarebbero trasferiti a casa di Choudhury, per proseguire la festa, mentre gli altri tesserati del Leicester sarebbero rimasti nell’abitazione di Perez, ma al buio. Quando sono arrivati gli agenti della polizia, chiamati dai vicini, il silenzio e il buio li hanno convinti a non intervenire.

Tuttavia, Choudhury, Maddison e Perez non sono stati convocati contro il West Ham per aver violato il protocollo anti-covid. I tre torneranno a disposizione per la semifinale di FA Cup, in programma domenica contro il Southampton.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy