Porto: paura per Casillas, infarto in allenamento. Il medico: “Futuro? Ancora presto per decidere se dovrà smettere”

Porto: paura per Casillas, infarto in allenamento. Il medico: “Futuro? Ancora presto per decidere se dovrà smettere”

Tanta paura per l’ex Madrid che, nel corso dell’allenamento con i portoghesi, si è accasciato al suolo colpito da infarto

Il mondo del calcio è in apprensione per lo stato di salute di Iker Casillas.

Tanta paura per il portiere spagnolo che ieri, nel corso dell’allenamento con il suo Porto, si è accasciato improvvisamente in campo destando l’allarme dei suoi. Infarto al miocardio per l’ex estremo difensore del Real Madrid, subito trasportato in ospedale e operato d’urgenza. Dopo alcune ore col fiato sospeso, lo stesso ex Galacticos ha tranquillizzato tutti con messaggio sui social: “Qui tutto sotto controllo, una grande paura, ma con la forza intatta. Grazie mille a tutti per i messaggi e l’affetto“.

Quale futuro attenderà ora il classe ’81? Sarà costretto al ritiro? A rispondere a queste domande, intervistato da Record, ci ha pensato il medico sociale del Porto Nelson Puga, che ha analizzato così le possibile conseguenze del problema cardiaco del portiere: “La cosa più importante adesso è che Iker si rimetta. Ancora è troppo presto per parlare del suo futuro da calciatore, dipenderà da molti fattori: dalle medicine di cui avrà bisogno, dagli esami a riposo e sotto stress, dalla sua voglia di continuare a giocare… Solo dopo una lunga e attenta riflessione, con calma e dialogo, decideremo se si ritirerà o meno. La cosa che conta, però, è che abbiamo la certezza che Casillas è già completamente recuperato per la vita normale”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy