Emergenza Coronavirus, Cannavaro: “Servono misure drastiche, non credo sarà così semplice”

Emergenza Coronavirus, Cannavaro: “Servono misure drastiche, non credo sarà così semplice”

Le parole dell’attuale tecnico del Guangzhou Evergrande che dal momento del suo ritorno in Cina è stato costretto all’isolamento

Fabio Cannavaro sul periodo di quarantena a cui è stato sottoposto.

L’ex difensore della Juventus, attualmente allenatore del Guangzhou Evergrande, è tornato in Cina dopo una lunga permanenza a Dubai. Il Coronavirus è praticamente stato debellato in Cina, ma per chi giunge dall’estero è stato confermato l’isolamento. Le dichiarazioni del campione del mondo 2006 ai microfoni di Sky.

“È così da cinque giorni e devo dire che la Cina sta affrontando questa emergenza nel migliore dei modi. Fin quando non ci sarà il controllo di questo virus è inutile fare previsioni. Il virus corre, è vero che i più anziani sono a rischio, ma dai numeri che circolano tutti possono essere infettati. La gente deve stare a casa, io sono rientrato in Cina dopo esser stato a Dubai e, avendo passaporto italiano, sono stato messo in quarantena. Sono in quarantena da cinque giorni e in Cina stanno affrontando questa emergenza alla grande. Sono stati bravi a prendersi del tempo e ci vuole tempo: sento gente dire che, magari, tra dieci giorni sarà possibile uscire e tornare alla vita di prima, ma visto anche quanto accaduto e sta accadendo in Cina non credo sarà così facile. Servono regole dure fin quando il virus non sarà sotto controllo: io non parlo di sconfiggerlo, perché nemmeno in Cina è stato sconfitto, ma servono regole dure per tenerlo sotto controllo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy