Sampdoria, Ferrero: “Ma se non vinciamo in casa contro il Palermo, quand’è che vinceremo?!”

Sampdoria, Ferrero: “Ma se non vinciamo in casa contro il Palermo, quand’è che vinceremo?!”

L’intervista al presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, due giorni dopo il pareggio casalingo contro il Palermo.

9 commenti

Non era allo stadio, ma ha comunque seguito la partita.

Massimo Ferrero non è contento del risultato maturato domenica pomeriggio al Ferraris contro il Palermo. “La mia è ira propositiva: volendo il meglio per la Samp, m’incazzo per costruire, non certo per distruggere. Giampaolo – sottolinea il patron blucerchiato in un’intervista al Secolo XIXha la mia totale e incondizionata fiducia. Ho sempre detto che è il più grande maestro di calcio e ai maestri va dato tempo. Lui è molto lineare ma qualche curva ogni tanto potrebbe regalarti delle belle sorprese, questo glielo dirò. Che significa? Che se non vinci in casa contro il Palermo quand’è che vinci? Noi per fortuna abbiamo pareggiato ma allo scadere. No, non è una critica, se ho detto che Giampaolo ha la mia fiducia totale significa che lo difenderò fino alla morte. Però dico anche che, come già detto tante volte, il terzo anno della mia presidenza è quello della maturità, non più degli esperimenti. Quindi voglio vincere ed è per questo che abbiamo reinvestito tutto quello che abbiamo incassato per fare una squadra forte che in casa col Palermo vinca, non pareggi all’ultimo respiro“.

VIDEO Serie A, Sampdoria-Palermo 1-1: rosa beffati al 94′, gli highlights del match

Il presidente della Samp fa dunque riferimento a un incontro che terrà col suo allenatore. “Verrò a Genova per mangiare uno spaghetto al pesto perché davanti a un piatto si chiacchiera sempre meglio. Io sono un imprenditore e una persona con spirito benefico, mai malefico. Dirò che abbiamo tanti giovani talentuosi e un grande maestro che li allena, sono convintissimo che raggiungeremo gli obiettivi prefissati di fare un buon campionato ma parlarsi aiuta sempre“, ha spiegato.

Cessione Palermo a cordata cinese, Zamparini: “Entro Natale il matrimonio ufficiale, rinforzeranno la squadra”

Cessione Palermo: closing, progetti e i 200 milioni dei cinesi. Il punto sulla trattativa

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sergio Cinà - 2 mesi fa

    Mai!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giuseppe Garofalo - 2 mesi fa

    Poveretto forse pensa di essere forte più di quanto sta esprimendo la sua squadra quindi è rimasto stupito..ignora che ha avuto un po’ di fortuna… a pareggiare all’ultimo respiro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Saputo - 2 mesi fa

      Fortuna? 23 tiri in porta contro 4 lo chiami fortuna?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Filippo Anello - 2 mesi fa

    ragione ha! ormai aspettano tutti il Palermo per fare punti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele Carlotti - 2 mesi fa

    Prendi un paio di difensori e magari invece di partire sempre con almeno un gol di svantaggio inizi con uno 0-0 come tutti gli altri.Ah dimenticavo, se avessi preso anche un attaccante che segna o avessi tenuto Eder magari adesso avresti qualche punto in più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Vincenzo Sparacino - 2 mesi fa

    Dv dire grz che sei riuscito a pareggiare!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Non si è vista una grande differenza tra le due squadre…Ferrero dovresti essere meno arrogante non sei mica juventino!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. E ti è andata beneeee

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Massimiliano Di Cara - 2 mesi fa

    Spero mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy