Palermo: gli allenatori cambiano, la sostanza no. Novellino, perché insisti con Struna, Jajalo e Trajkovski?

Palermo: gli allenatori cambiano, la sostanza no. Novellino, perché insisti con Struna, Jajalo e Trajkovski?

Il punto sul quale si sta rovinosamente accartocciando la stagione del Palermo: insistere su giocatori che non solo non fanno la differenza, ma risultano deleteri nelle dinamiche tattiche.

4 commenti

L’effetto Novellino? Non c’è. Questa la triste considerazione dopo la batosta col Chievo. Un punto in tre gare è un viatico per la B. A Verona si è rivisto il Palermo fragile e impacciato, incapace di approfittare dei passi falsi di Carpi e Frosinone.

L’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport‘ analizza così uno dei momenti più critici della storia recente dei siciliani. Cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia. Gli allenatori si alternano ma il materiale umano è sempre quello. Le responsabilità del presidente Zamparini sono, da tempo, sotto gli occhi di tutti: mercato mediocre sia in estate che a gennaio e gestione da teatro dell’assurdo della conduzione tecnica. Lo dicono i numeri da retrocessione.

Palermo: se i rosa continueranno a giocar così, nessun calendario e nessun confronto diretto potrà salvarli

Quello che stupisce – sottolinea la ‘Rosea‘ – è l’atteggiamento di Novellino e le sue scelte. Al Bentegodi alcune decisioni sono parse senza senso. Prima di tutto l’esclusione di Gonzalez perché veniva dagli impegni transoceanici con la Costa Rica: privare la difesa dell’unico punto di riferimento in un match così delicato è sembrato poco lungimirante e infatti il Palermo è tornato a imbarcare gol. Poi i cambi, da Hiljemark a Brugman, i giocatori di maggiore dinamismo sostituiti al posto di altri che in campo stavano passeggiando.

Palermo, media voti stagionali: in cinque sopra la sufficienza, maglia nera per Struna

Ecco il punto sul quale si sta rovinosamente accartocciando la stagione del Palermo: insistere su giocatori che non solo non fanno la differenza, ma risultano deleteri nelle dinamiche tattiche. E sono i tre nomi su quali si è consumato il litigio tra Zamparini e Iachini sia la prima che la seconda volta, ovvero Struna, Jajalo e Trajkovski (sempre schierati da Ballardini). Un atteggiamento che, alla lunga, ha portato alla frattura tra il tecnico e lo spogliatoio. L’arrivo di Novellino presupponeva una rottura col passato. Con dieci partite al termine sembrava che il tecnico, attraverso la grinta e il carisma che lo hanno sempre contraddistinto, avrebbe potuto dare un’inversione di tendenza. Invece sono andati in scena gli esperimenti nel segno dei compromessi col presidente.

Zamparini (integrale): “È un bel casino, la B dietro l’angolo. Avevo pregato Vazquez, perché Hiljemark fuori?!”

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Noncisicrede - 2 anni fa

    Io non capisco perché, voi organi di stampa, lo chiedete a noi che le idee le abbiamo chiare da mesi.

    Tra le milioni di interviste o pseudo tali che andate facendo, domandatelo a Novellino.

    La nostra risposta sarà sempre la stella: Novellino è un burattino messo lì ad eseguire il voler di Zamparini che vuole fare giocare ste quattro chiaviche per venderle a giugno una volta retrocessi.

    Spero che anche questo commento non mi venga censurato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pelide - 2 anni fa

    Forse ancora non è chiaro o più semplicemente non si può rendere esplicito. La volontà è quella di andare in B, vendere quel poco che di accettabile c’è di giocatori e, soprattutto, acchippare i soldi del maxi paracadute che non è poca roba e….tanti saluti alla città alla società e ai suoi tifosi…..ecco perchè sia continua a far giocare gente farlocca…o a effettuare cambi suicidi…. così è chiaro o bisogna scriverlo con lettere di fuoco sui muri della città…?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. nick - 2 anni fa

    Credo che la risposta la conosciamo tutti
    Non è lui che insiste
    Che poi il messaggio allo spogliatoio è controproducente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MrAl - 2 anni fa

      VORREI SAPERE COSA HA DETTO AI GIOCATORI NELLA VISITA CHE HA FATTO NEI MINUTI PRIMA DELLA PARTITA,LO POSSO IMMAGINARE,TASSATIVAMENTE DOVETE PERDERE.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy