Gazzetta di Modena a Zamparini: “Non hai votato contro paracadute, bensì contro spartizione diritti tv”

Gazzetta di Modena a Zamparini: “Non hai votato contro paracadute, bensì contro spartizione diritti tv”

Il quotidiano che segue le vicende del Carpi: “A febbraio il presidente del Palermo lo confermò: votò contro l’accordo complessivo sui diritti tv, non contro la specifica norma del paracadute”

Commenta per primo!

Una bagarre che si spegnerà solamente nella sera di domenica, quando verranno emessi i verdetti e tutte le parti in causa dovranno accettarli.

Il capitolo “paracadute per le retrocesse” si arricchisce di altri paragrafi. All’indomani del comunicato ufficiale diramato dal club di viale del Fante (clicca qui) e dell’intervista rilasciata dal patron friulano ai microfoni di Radio Due, arriva un’altra risposta indirizzata a Maurizio Zamparini.

Corriere dello Sport: il regalo di Lotito a Zamparini. Il Palermo e la norma “ad squadram”

Palermo, comunicato contro giornali nazionali per un articolo: “Illazioni. Inesattezze del tutto ingiustificate”

Ecco quanto scritto dall’edizione odierna de ‘La Gazzetta di Modena‘, quotidiano che segue le vicende delle squadre emiliane. “Il Palermo reagisce alle polemiche sul meccanismo che consentirebbe all’Hellas Verona di assicurarsi ulteriori 15 milioni (seppur differiti) in caso di retrocessione del Carpi. Il club rosanero ha voluto ricordare che, insieme al Chievo, è una delle due società ad aver votato contro nella delibera del 26 febbraio 2016, la stessa che oggi suscita tanto clamore – scrive il giornale nella sua edizione cartacea -. Ma in quella occasione il Palermo votò contro l’accordo complessivo sui diritti tv, non la specifica norma del paracadute, che in una intervista rilasciata da Zamparini a Radio Bruno a febbraio non era oggetto di critica”.

La Gazzetta di Modena riporta dunque le frasi pronunciate dal numero uno del Palermo Calcio lunedì 29 febbraio.

“Conosco il dramma della retrocessione, ma in Inghilterra fanno qualcosa che in Italia non succede. Prendono molto di più di paracadute e lo prendono per tre anni, però c’è una diversa suddivisione dei proventi”.

“Il punto del dissenso appariva infatti la ‘porcheria sulla suddivisione dei 100 milioni in più dei diritti tv. Il 40% in parti uguali, il 60% solo alle prime dieci, e nella stessa votazione hanno incluso il nuovo paracadute'”, analizza il quotidiano.

Di seguito il video relativo alla sopracitata intervista rilasciata da Zamparini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy