Cessione Palermo, York Capital pronta a formalizzare l’acquisto del club: possibile svolta tra oggi e domani. Il ruolo di Federico Oliva…

Cessione Palermo, York Capital pronta a formalizzare l’acquisto del club: possibile svolta tra oggi e domani. Il ruolo di Federico Oliva…

Rino Foschi e Daniela De Angeli avrebbero definito tutti i dettagli con il fondo statunitense che sarebbe pronto a ratificare l’iter di acquisizione delle quote del club rosanero

Di Massimiliano Radicini.

Il futuro del Palermo potrebbe essere definito nelle prossime ore.

Dopo l’oscuro e controverso interregno della Sport Capital Group, il club rosanero è passato nelle diligenti mani di Daniela De Angeli e Rino Foschi.  I due profili fiduciari dell’ex patron, Maurizio Zamparini, fin dal primo giorno dal loro insediamento al vertice della società si sono impegnati al fine di trovare un acquirente solido e affidabile che fosse disponibile ad acquistare in toto le quote del club. Il soggetto finanziario che in queste ultime settimane ha egemonizzato l’interesse di media e ambiente rosanero è stato quello della York Capital Management, fondo statunitense fondato da Jamie Dinan che gestisce un patrimonio di circa 20,5 miliardi. L’hedge fund americano sarebbe in contatto con la dirigenza del Palermo fin da tempi non sospetti, i primi confronti interlocutori con l’allora patron friulano risalgono addirittura allo scorso maggio, ben prime della maldestra svolta in salsa inglese. Gli emissari di York Capital management avrebbero studiato accuratamente tutti i bilanci della società al fine di formulare un progetto serio volto a riportare il Palermo ai fasti di un tempo.

Anche l’attuale presidente del club di Viale del Fante sembra essere fermamente convinto della serietà della York Capital, Rino Foschi ha più volte puntualizzato tale aspetto affermando anche che l’accordo tra le due parti sarebbe stato trovato in un breve lasso di tempo.

Palermo-York Capital, Foschi: “Hanno un progetto importante e ambizioso, non abbiamo fretta di chiudere”

Stando alle indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, il fondo capitanato da Dinan si affiderà ad una SPV (ossia una società veicolo costituite ad hoc per inglobare e gestire attività finanziarie) per portare a termine l’investimento mirato ad acquisire le quote del club di Viale del Fante. L’iniziale immissione di capitali sarà suddivisa in due tranche: la prima, da circa 2 milioni, al momento della firma che dovrebbe avvenire tra la giornata di oggi e quella di domani. Una seconda, della stessa cifra, entro giugno prossimo, per un totale di quattro milioni, cifra necessaria per terminare la stagione in corso. Tra i profili con una carica effettiva nell’organigramma di tale società veicolo vi sarà quello di Federico Oliva, giovane manager nato a Trento che si occupa degli affari della York Capital nel sud Europa e che in Italia occupa un ruolo di rilievo anche all’interno di altre tre società tra cui “Terme di Saturnia“, recentemente acquistata proprio dal fondo americano.

Cessione Palermo, conto alla rovescia con York Capital: ultimi dettagli da limare per le firme

Se la trattativa con il fondo americano dovesse chiudersi in questi giorni, sfumerebbe dunque in via definitiva la pista che porta ad Arkus Network, Gruppo Polifunzionale italiano che aveva avviato i contatti con il Palermo attraverso la figura di Vincenzo Macaione, il quale aveva ricevuto un mandato esplorativo da parte del club rosanero. Il noto banchiere palermitano è arrivato ieri in città: secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, la società italiana aveva intenzione di avanzare un’offerta ufficiale dopo l’incontro della settimana scorsa con il binomio Foschi-De Angeli. Improbabile a questo punto che Arkus Network riesca a bruciare sul filo del traguardo la York Capital Management,  che è ormai, come già sottolineato precedentemente, a un passo dal mettere in cassaforte l’accordo preliminare con il Palermo per rilevare la totalità delle quote del club rosanero.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy