Cessione Palermo, frenata con York Capital: contratto da rivedere, manca accordo su alcune clausole

Cessione Palermo, frenata con York Capital: contratto da rivedere, manca accordo su alcune clausole

La trattativa per la cessione del club siciliano al fondo statunitense subisce ora una frenata: manca ancora l’intesa su alcune clausole che riguardano anche Mepal

Dallo slittamento alla frenata.

Si apre con queste parole l’edizione odierna de Il Giornale di Sicilia, che spiega come la trattativa tra il Palermo Calcio e York Capital resti sì sempre nel vivo, ma anche che le due parti coinvolte nell’affare si trovino adesso in una vera e propria fase di stallo. Vi sarebbe già pronto un contratto preliminare che aspetterebbe soltanto di essere rivisto, poiché sarebbe pure necessaria qualche modifica relativa ad alcune clausole su una trattativa che, a questo punto, potrebbe essere conclusa solamente in seguito alle festività pasquali:

La firma sarebbe dovuta arrivare giovedì, quando l’accordo per una prima bozza del preliminare era cosa fatta. Si è reso necessario un ulteriore confronto, invece, con il conseguente prolungamento delle tempistiche per mettere il tutto nero su bianco“.

(Cessione Palermo, Foschi: “Trattativa? Stiamo lavorando, è un’operazione che non si chiude in due ore”)

Il volto del presidente del club rosanero Rino Foschi, al rientro in sede nel pomeriggio di ieri, non sembrava presagire nulla di buono e sempre secondo quanto riferito dal noto quotidiano regionale vi sarebbero state:

Difficoltà nel far combaciare le richieste di entrambe le parti in causa, in una trattativa che vede York interessata a rilevare non solo la società, ma l’intera holding Palermo Football Club. Per intenderci, quella che contiene sia il club che Mepal, la società attualmente in possesso del marchio, al centro dell’inchiesta che porterà Zamparini a processo il prossimo 2 luglio“.

(Foschi: “Palermo-Padova gara trappola, la più importante del campionato. Servirà concentrazione”)

Le clausole in discussione fra le due parti coinvolte nell’operazione per la cessione delle quote societarie della società siciliana riguarderebbero entrambi i soggetti in procinto di essere venduti e vi sarebbero ad oggi delle distanze che i legali coinvolti nell’operazione (Francesco Pantaleone e Antonino Gattuso per ciò che concerne il club di Viale del Fante, presenti entrambi in sede ieri) starebbero provando a ridurre per favorire il buon esito dell’affare.

Il lavoro per trovare un’intesa totale e definitiva proseguirà anche durante Pasqua ma per le eventuali firme sarebbe ormai tutto necessariamente pronto a slittare per la prossima settimana, proprio dopo la sfida valida per il torneo di Serie B che vedrà i rosanero impegnati contro il Padova ultimo in classifica: “La speranza del duo De Angeli-Foschi era quella di giungere a questa sfida con il preliminare firmato. Dopo il nulla di fatto di giovedì, invece, si è concretizzato lo slittamento“.

(VIDEO Palermo, l’arrivo di Foschi al “Renzo Barbera”: le sue parole…)

Per conoscere l’esito della trattativa per la cessione delle quote societarie del Palermo Calcio, dunque, bisognerà ancora attendere qualche giorno. Il contratto che prevede l’immissione dei primi capitali (ovvero quattro milioni di euro in due tranche entro il 15 maggio) sarebbe oramai praticamente pronto e le parti dovrebbero soltanto aggiornarsi per sistemare le ultime clausole previste dall’accordo preliminare:

Dettagli, sì, ma per il momento sono proprio questi che separano York e il Palermo dalla firma. Il tutto mentre la dirigenza di viale del Fante tiene aperte altre piste, pur con la consapevolezza di non avere alternative finanziariamente paragonabili al fondo americano“.

(Cessione Palermo, la firma con York Capital slitta ancora: oggi un altro confronto, Foschi in città)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy