Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

ex palermo

Torino, Belotti fa 100 in A: “Un grande traguardo, sono stati due anni difficili”

Torino, Belotti fa 100 in A: “Un grande traguardo, sono stati due anni difficili”

Le dichiarazioni rilasciate da Andrea Belotti al termine del match Torino-Sampdoria, andato in scena sabato sera allo Stadio "Olimpico-Grande Torino"

Mediagol (nc) ⚽️

"Per me è un onore aver raggiunto questo traguardo così importante, è motivo di orgoglio e soddisfazione. So che devo continuare a lavorare e a fare gol per la squadra". Lo ha detto Andrea Belotti, intervenuto ai microfoni di Torino Channel al termine del match contro la Sampdoria. Il Gallo, entrato nella ripresa al posto di Sanabria, ha fatto la differenza, siglando al minuto 93 il gol del 3-0. Una rete che ha permesso all'ex Palermo di diventare il terzo calciatore italiano più giovane a tagliare il traguardo dei 100 gol in Serie A.

"Quanto mi mancava il gol? Diciamo che non è mai stata un'ossessione, ho avuto un infortunio e sono stato fuori. Dovevo ritrovare la forma, ma sapevo che i gol sarebbero arrivati. Ero sereno, se giochiamo così come contro la Samp e creiamo tanto i gol arriveranno. Sto bene, a giudicare è il campo. Le sensazioni sono molto positive, mi sento bene fisicamente e faccio giocate importanti. Ho ritrovato la forma, ora serve la continuità. C'è tanta voglia di riscatto da parte della squadre e mia. Sono stati due anni molto difficili e pesanti. Dentro di noi sappiamo che quello che si è visto non è stato il Toro che si deve vedere. Mi sono promesso di non far rivedere quel Torino a me e soprattutto ai tifosi. Vogliamo farli gioire, se lo meritano", le sue parole.

JURIC -"Che rapporto ha con Juric? Ho un buon rapporto con il mister, è molto diretto ed è sempre stato molto chiaro. Si preoccupa e questo è molto importante per un giocatore. Fin dal primo giorno che sono tornato dall'Europeo abbiamo subito parlato e ci siamo sempre detti le cose in faccia. Si è parlato tanto di me anche per l'infortunio e altre dinamiche. Come ho detto prima ho espresso la mia volontà al mister dal primo giorno. Non ci sono mai stati ripensamenti e andiamo avanti così. Posso solo ringraziare i tifosi, chiamano il mio nome anche quando sono in panchina, questo mi emoziona. Quando entro in campo devo dare tutto quello che ho per questa maglia, per renderli felici. Dopo due anni difficili per noi e per i tifosi c'è grande voglia di rifarci", ha concluso Belotti.

tutte le notizie di