Serie A e diritti tv: DAZN, l’accordo con TIM e il ricorso di Sky. Novità e costi nel triennio 2021-2024

Via alla rivoluzione dei diritti televisivi e della visione in streaming

dazn

Di Luca  Silvestri

Sky o DAZN? Il futuro della Serie A cambia rotta.

La digitalizzazione della sfera televisiva sta sempre più prendendo piede in questi mesi di pandemia globale.

Le grandi piattaforme streaming che negli ultimi anni si sono affacciate nel panorama europeo, oggi sono più gettonate da un certo target di utenza rispetto ai classici network televisivi satellitari. L’utilizzo quasi obbligatorio di una connessione internet di qualità e ad alta frequenza è un fattore destinato a stravolgere la modalità di fruizione del prodotto calcio, segnando una netta linea di discontinuità con quanto cristallizzatosi nell’ultimo ventennio.

VIDEO Diritti tv: Dazn, Sky e Amazon, per Serie A e Champions serviranno tre abbonamenti. I dettagli

Dopo una trattativa alquanto lunga e tormentata,  pochi giorni fa è stata finalmente completata l’assegnazione per i diritti televisivi della Serie A nel triennio 2021-2024. Una vittoria schiacciante da parte di DAZN, che si aggiudica i diritti in esclusiva di produzione e trasmissione di un lotto vasto di partite del massimo campionato nazionale, scrivendo così un capitolo tutto nuovo e digitalizzato del piccolo schermo.

Sampdoria, il tackle di Ferrero: “Diritti tv a Dazn? Sono perplesso, non mi capacito di una cosa”

Saranno 7 le gare trasmesse in esclusiva dalla Group londinese, con le 3 rimanenti che andranno a comporre un mini pacchetto residuale di match invece in onda in co-esclusiva. Resta da capire se Sky riuscirà ad aggiudicarsi proprio queste ultime gare, considerando l’intenzione dell’emittente con sede a Milano di presentare ricorso rispetto a questa prima assegnazione. Molteplici gli scenari che potrebbero presentarsi, con DAZN che dovrebbe mantenere comunque il predominio mediatico sui prossimi tre anni del calcio italiano.

serie a

COSA CAMBIA?

La collocazione oraria delle gare dovrebbe restare pressoché invariata, con poche sovrapposizioni tra partite della stessa giornata ad eccezione della canonica fascia domenicale delle ore 15:00. Un aspetto questo da sempre molto discusso, ma al quale non è mai stato possibile applicare alcuna variazione a causa della ferma volontà delle emittenti di massimizzare commercialmente, anno dopo anno, la propria offerta.

Il canone di DAZN – attualmente stabile sui 9,99 € – potrebbe subire un rialzo per il logico ampliamento dell’offerta fino a 30-35 € al mese. Secondo le indiscrezioni trapelate in questi ultimi giorni, sarebbe vicino un accordo tra la piattaforma britannica e TIM, vedendo quest’ultima farsi carico del 40% del corrispettivo annuale riconosciuto alla Lega Calcio, cifra parziale che ammonta ad una cifra complessiva di circa 340 milioni di euro. Questa possibile partnership consentirebbe l’accesso all’offerta ad un bacino di utenti sempre maggiore, riservando anche offerte dedicate per i clienti della compagnia telefonica.

Non dovrebbe comunque farsi attendere il ricorso di Sky, che tramite una nota ufficiale ha ribadito la sua ferma volontà di voler continuare a trasmettere contenuti sportivi legati al mondo del calcio nazionale. È dunque già stata fissata un’assemblea tra la tv e la Lega Calcio, che nella giornata di lunedì dovrebbero discutere sull’offerta presentata da DAZN e TIM ed un eventuale – ma alquanto difficile – riilancio da parte della stessa Sky. L’offerta potenziale del network satellitare per l’acquisizione dei diritti  tre gare in co-esclusiva ammonterebbe a circa 70 milioni di euro, anche se non è ancora certo che la piattaforma televisiva e quella streaming possano trovare facilmente un valido accordo.

Addio anche al classico e amato decoder, DAZN sarà visibile su un ampio raggio di dispositivi. Dalle smart tv alle console di gaming, passando per pc, tablet e telefono cellulare. Trattandosi di una piattaforma streaming, infatti, basterà installare l’applicazione in questione su uno dei dispositivi sopra citati, scaricandola tramite l’utilizzo dello store digitale interno a questi ultimi. Per godere della massima qualità durante la visione, sarà necessaria una connessione di almeno 8 megabit per secondo.  Verificate queste condizioni, per abbonarsi fin da subito a DAZN basterà soltanto creare il proprio account collegandosi alla piattaforma, con lo stesso contenuto che sarà visibile in contemporanea sue due dispositivi diversi. Per quel che riguarda invece la visione di altri eventi di intrattenimento, questa sarà possibile su ben sei dispositivi nello stesso momento, ampliando dunque le possibilità di visioni a più utenti.

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy