Mihajlovic a cuore aperto: “Non sono un eroe. La leucemia? Mi ha fatto paura, ora non do niente per scontato”

Le parole della Joya durante un’intervista concessa ai microfoni di “Vanity Fair”

Dybala

Sinisa Mihajlovic racconta la sua battaglia contro la leucemia.

Un guerriero in campo e nella vita: Sinisa Mihajlovic ripercorre, attraverso un’intervista a cuore aperto, i durissimi mesi passati a combattere contro una dura malattia: la leucemia. Un periodo impresso nella mente del tecnico del Bologna raccontato ai microfoni del “Corriere della Sera”.

Non sono un eroe e neppure Superman. Sono uno che quando parlava così, si faceva coraggio. Perché aveva paura, e piangeva, e si chiedeva perché, e implorava aiuto a Dio come tutti. Pensavo solo a darmi forza nell’unico modo che conosco. Combatti e non mollare mai. Mi godo ogni momento, prima non lo facevo, davo tutto per scontato. Conta la salute, contano gli affetti. Nient’altroNon ci si deve vergognare della malattia. Bisogna mostrarsi per quel che si è. Volevo dire a tutte le persone nel mio stato di provare a vivere una vita normale, fossero anche i nostri ultimi momentiL’affetto mi ha aiutato molto. Ma ora basta. Non vedo l’ora di tornare ad essere uno zingaro di m…”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy