Juventus, Marotta e la fascia ad Astori: “Dirige un club che espone scudetti revocati e parla di regolamenti?”

Juventus, Marotta e la fascia ad Astori: “Dirige un club che espone scudetti revocati e parla di regolamenti?”

Incredibile stoccata al dirigente bianconero: “Risolvete la situazione legata alle fasce e dedicatevi a cose più serie, perchè dare ragione alla Bild che ci sbeffeggia è molto fastidioso”

La Lega Serie A ha deciso: stop alle fasce da capitano personalizzate.

La decisione, ufficializzata ad agosto attraverso un comunicato relativo alle norme da rispettare per le divise da gioco, impone di indossare, in ciascuna delle gare delle competizioni organizzate dalla Lega, esclusivamente una fascia fornita dalla stessa, che si riserva la facoltà di sanzionare coloro che violano questa nuova regola.

Direttiva che vieta, dunque, anche alla Fiorentina la possibilità di far indossare ai suoi giocatori una fascia che possa tenere vivo il ricordo di Davide Astori, tragicamente scomparso lo scorso marzo -. I viola sono ancora alla ricerca di una soluzione, in caso contrario si sono già detti pronti a pagare le eventuali multe.

Impassibile davanti alla richiesta del club di Della Valle, l’amministratore delegato della Juventus Beppe Marotta, nonchè consigliere della Lega Nazionale Professionisti Serie A: “Rispetto per i sentimenti, ma c’è un regolamento. Ne parleremo”. 

Dichiarazioni che hanno infastidito e deluso addetti ai lavori e opinione pubblica: “Detto dal dirigente della società che espone due scudetti che sono stati revocati – si legge, infatti, sull’edizione odierna del Corriere della Sera -, è davvero assurdo. Un consiglio: parlatene poco, risolvetela subito e poi dedicatevi a cose più serie, perchè dare ragione alla Bild che ci sbeffeggia è molto fastidioso“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy