Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

Mixed Zone

Juventus-Salernitana, Nicola: “Tante squadre in lotta con noi. Ribery e Perotti…”

Juventus-Salernitana, Nicola: “Tante squadre in lotta con noi. Ribery e Perotti…”

Le dichiarazioni dell'allenatore della Salernitana, Davide Nicola, alla vigilia del match di Serie A in cui i granata affronteranno la Juventus di Allegri

Mediagol ⚽️️

Tempo di vigilia in casa Salernitana. La squadra allenata da Davide Nicola è chiamata ad un appuntamento tanto prestigioso quanto ostico domani in casa della Juventus. All'Allianz Stadium di Torino la gara - valida per la trentesima giornata del massimo campionato italiano - è in programma alle ore 15.00 in punto. Proprio il tecnico della compagine granata è intervenuto in conferenza stampa per presentare la sfida di Serie A contro il team targato Massimiliano Allegri. Di seguito, le dichiarazioni di Davide Nicola.

IL MATCH- "Quando affronti una squadra così forte, con una mentalità vincente, gli stimoli sono automatici. E' una partita interessante, ci aiuterà a capire quale livello di forza abbiamo raggiunto. Come a Milano con l'Inter, anche domani occorrerà coraggio misto ad equilibrio. E' fondamentale la voglia di pressare, di riconoscere i momenti della gara e saperli interpretare. Mi aspetto molto dalla Salernitana".

LA FORMAZIONE- "Vedremo domani. Vi dò quattro nomi: Sepe, Fazio, Lassana Coulibaly e Bonazzoli. Per il resto mancano sette calciatori, lascio fare a voi. Noi lavoriamo quotidianamente anche su altri modi di stare in campo. Verdi con me ha fatto la seconda punta a Torino, Perotti ha intelligenza tattica importante e può agire in diversi ruoli. Stesso discorso per Ribery. A volte hanno giocato tutti e tre insieme, se sono al top ci possono dare soddisfazione come accaduto col Bologna. Stanno crescendo tutti, Ribery si allena continuativamente da due settimane e ha smaltito ogni fastidio legato all'episodio che tutti conoscete".

MOUSSET- "Mancata convocazione? Ha subito una distorsione, capiremo nei prossimi giorni quanto e se sarà grave. Ha appena fatto la radiografia, sono state escluse rotture e lesioni ma resta una situazione da monitorare giorno dopo giorno".

CLASSIFICA- "Il Cagliari ha 25 punti, la Sampdoria 26 e lo Spezia 29. Si è dilatata ancora di più la classifica, ci sono tante squadre in lotta per non retrocedere e la Salernitana proverà a fare il meglio possibile nelle undici gare che restano".

JUVENTUS- "Una formazione capace, che sa stare in campo in tanti modi. A volte sviluppa gioco con tre centrocampisti, altre volte con due esterni larghi e due attaccanti di riferimento. Può bloccare un terzino, alzare l'altro e costruire a tre. In fase di non possesso, come si è visto nei match precedenti, tende ad occupare il campo con due linee e due attaccanti che si abbassano per dare una mano. Hanno educazione tattica, riconoscono gli spazi e sanno esaltare la qualità dei singoli. E' ovvio che stiamo parlando di una big a tutti gli effetti. E' una partita che ci servirà per migliorare la mentalità, vogliamo essere competitivi in qualunque campo e contro qualunque avversario. Non c'è tempo per fare calcoli o guardare indietro. Ripeto, mi aspetto molto dalla Salernitana. A volte le cose le facciamo bene, purtroppo capita di sbagliare i tempi. Ma i ragazzi si impegnano fino all'ultima goccia di sudore, siamo tutti concentrati sull'obiettivo. Hanno utilizzato anche Danilo come centrocampista, c'è Bernardeschi che può ricoprire più ruoli. Hanno tante di quelle capacità che possono adattarsi a prescindere dalle assenze. A volte vediamo Morata che si allarga in fase di costruzione. Occorrerà grande attenzione, guai a perdere la lettura del gioco. Detto questo, la Salernitana vuole costruire il suo percorso e sfruttare le undici partite a disposizione per raggiungere quello che ci interessa".

LA CHIOSA- "Ci sono undici partite, 33 punti in palio e la partita di domani è la più importante perché ci può dare la possibilità di ottenere ciò che ci serve. Ripeto: dobbiamo controllare la prestazione che vogliamo mettere in campo, è l'unico modo per ambire al massimo. Incontreremo una squadra fortissima, ma siamo certi che le sorprese sono sempre dietro l'angolo. Voglio che la mentalità sia questa, andrò sempre su ogni campo senza accontentarmi. E deve valere anche per i ragazzi".

 

tutte le notizie di