Roma-Wolfsberger, Fonseca: “Obiettivo raggiunto, ma il risultato non mi piace. Con questo atteggiamento…”

Roma-Wolfsberger, Fonseca: “Obiettivo raggiunto, ma il risultato non mi piace. Con questo atteggiamento…”

Il tecnico della Roma ha commentato il pareggio ottenuto contro il Wolfsberger

La Roma passa ai sedicesimi di finale.

Sul campo dello stadio Olimpico è andata in scena la sfida tra la Roma e il Wolfsberger, che si sono affrontati in occasione dell’ultima giornata dei gironi di Europa League: i giallorossi erano alla ricerca di un successo importante per ottenere il passaggio del turno. La gara è terminata con il risultato di 2 a 2, e i capitoli sono riusciti a conquistare un posto nei sedicesimi grazie anche alla vittoria dell’Istanbul Basaksehir contro il Borussia.

Al termine del match il tecnico della Roma, Paulo Fonseca, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport, commentando così la prestazione dei suoi uomini: “Abbiamo raggiunto l’obiettivo, che era la qualificazione, ma non abbiamo fatto una buona partita. Era importante vincere, ma non abbiamo avuto l’atteggiamento giusto. Pensavamo fosse vinta già in partenza. Abbiamo sbagliato molto, è stato difficile perché abbiamo fatto circolare male il pallone. In questo modo è normale non attaccare come vogliamo, non sono soddisfatto della prestazione. Non è facile per me accettare questo risultato, il Wolfsberger ha fatto una bella prestazione, senza pressione. Dobbiamo saper gestire il ritmo della partita, quando abbiamo inserito Pellegrini e Zaniolo abbiamo fatto meglio. Ma nel primo tempo abbiamo perso troppi palloni, quando sbagli molto è normale che l’altra squadra possa creare pericoli in contropiede. Loro aspettavano che la palla fosse giocata nel corridoio, non è stato possibile uscire dalla prima pressione”.

Sulla possibilità di vincere l’Europa League: “Non con questo atteggiamento, così è difficile. Ma adesso dobbiamo pensare alla prossima partita, che sarà molto difficile. Il sorteggio? Sarebbe difficile scegliere, ci sono tante squadre forti, non ho preferenze. In Italia è molto difficile vincere le partite, la SPAL è una squadra molto organizzata difensivamente. Ogni partita ha una storia diversa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy