Palermo, svolta nella cessione dei diritti TV: tutto ok con Eleven Sports, ecco cosa manca per l’ufficialità. Le ultime e i dettagli…

Palermo, svolta nella cessione dei diritti TV: tutto ok con Eleven Sports, ecco cosa manca per l’ufficialità. Le ultime e i dettagli…

Intesa definita nel dettaglio con la piattaforma inglese che coprirà in streaming le gare di campionato del Palermo. Eleven Sports ha mosso passi decisi e concreti a differenza degli altri interlocutori e si è aggiudicata i diritti di trasmissione su scala nazionale. Per i tifosi residenti all’estero…

Il comunicato ufficiale diramato dalla Lega Nazionale Dilettanti ha rotto gli indugi fugando qualsiasi perplessità.

Ecco il link per ricevere il codice sconto per Eleven Sports! http://bit.ly/ScontoElevenSports2019

Il codice garantisce uno sconto di €5,00 sull’acquisto dell’abbonamento annuale (€49,99 anziché €54,99)

Domenica primo settembre, come da programma originario, prenderà il via il campionato di Serie D. Le numerose contendenti al salto di categoria, suddivise in nove gironi,  si apprestano a intraprendere un lungo e tortuoso percorso agonistico al fine di perseguire i rispettivi obiettivi stagionali. Il nuovo Palermo targato Hera Hora, di proprietà del binomio Mirri-Di Piazza, si presenta ai nastri di partenza con credenziali di livello assoluto e punta decisamente a mettere in fila tutte le avversarie per tornare speditamente nell’universo del calcio professionistico.

L’organico allestito dal direttore sportivo, Renzo Castagnini, di concerto con il tecnico Rosario Pergolizzi e l’amministratore delegato, Rinaldo Sagramola, pare avere tutte in carte in regola per ambire legittimamente alla vittoria del campionato. Ancora un paio di ritocchi in sede di calciomercato per completare una rosa profonda e ben assemblata, sotto il profilo di qualità dei singoli e varietà di alternative, virtuoso mix di esperienza e gioventù dalla notevole cifra tecnica complessiva. Il verdetto del campo sarà come sempre sovrano e insindacabile, solo quando la sfera di cuoio inizierà a rotolare potremo avere reale contezza della statura degli avversari e dell’effettivo valore della compagine rosanero. Il primo banco di prova per gli uomini di Pergolizzi è tutt’altro che agevole. La trasferta di Marsala è oggettivamente insidiosa per caratura e carica motivazionale della formazione padrona di casa che brama dalla voglia di collezionare uno scalpo calcisticamente eccellente all’esordio nella nuova stagione.

Il Palermo potrà contare su un cospicuo numero di tifosi, che si sta mobilitando al fine di garantire presenza, passione e supporto in quella che rappresenterà una vera e propria alba di un nuovo ciclo. Non tutti però, per ragioni logistiche piuttosto che personali, potranno recarsi a Marsala ed assistere live alla sfida tra azzurri e rosanero. Ragion per cui, la questione relativa alla cessioni dei diritti televisivi delle partite del Palermo. relativamente alla stagione 2019-2020, ha tenuto col fiato sospeso una buona fetta del pubblico di fede rosanero. Dopo sondaggi esplorativi, contatti interlocutori, bozze di trattative arenatesi sul nascere che hanno caratterizzato le ultime settimane, la vicenda sembra essere giunta ad un punto di svolta. Il dirigente designato alla cura dei rapporti con i media e con gli organi istituzionali del mondo del calcio, Gianluca Paparesta, ha lavorato alacremente al fine di stilare un accordo che valorizzasse al meglio il prodotto Palermo e tutelasse l’ampio bacino di tifosi rosanero desiderosi di assistere da casa alle gare di campionato della propria squadra del cuore. Selezionare l’interlocutore che garantisse le condizioni più vantaggiose sotto il profilo economico e della visibilità, in ossequio alla tradizione ed al blasone di un club che in Serie D sarà solo di passaggio, non era impresa semplice. Poiché è innegabile che il Palermo costituisca un prodotto appetibile e spendibile sul piano televisivo e commerciale, ma è altrettanto oggettivo che gli introiti derivanti in termini di abbonamenti e indotto pubblicitario della Serie D non sono di certo paragonabili al volume di affari mosso dall’universo del calcio professionistico. L’interesse mostrato da Sky sembrerebbe essere stato piuttosto timido. L’impiego di risorse della piattaforma satellitare al cospetto dell’investimento da compiere sul percorso di un club che, salvo sorprese e ripescaggi figli di dinamiche extra campo,  non tornerà in Serie B prima di due stagioni non è stato ritenuto proporzionale e redditizio in questo particolare momento storico. Al netto delle voci e dei rumors, con DAZN non vi sarebbe di fatto stata neanche un accenno di trattativa. Al cospetto di due interlocutori fondamentalmente non determinati a stringere un accordo con il club rosanero, la piattaforma inglese Eleven Sports ha fatto perentoriamente irruzione sulla scena muovendo passi concreti e formulando un’ offerta che è stata da subito oggetto di attenta valutazione da parte della dirigenza rosanero. Eleven Sports, emittente con sede nel Regno Unito e nata nel 2015, è una realtà già importante e consolidata nel settore fondata dall’attuale presidente del Leeds United,  Andrea Radrizzani. L’imprenditore italiano fu annoverato tempo addietro tra i soggetti potenzialmente interessati all’acquisizione del Palermo calcio, candidatura che perse ben presto consistenza in virtù della smentita repentina da parte del diretto interessato. Eleven Sports  estende ad oggi la copertura dei propri servizi in Italia, Belgio, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Taiwan, Regno Unito e Stati Uniti, vantando numeri che rivelano dimensione e livello di business considerevoli su scala internazionale. La piattaforma streaming conta infatti diciassette milioni di abbonati sparsi in tutto il mondo, con trentamila ore di sport in diretta e quindici piattaforme di distribuzione. Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, l’intesa sul piano economico e delle modalità in termini contrattuali è stata già definita nel dettaglio tra le parti.  Un’intesa di prospettiva a medio termine, articolata su vari scaglioni proporzionali in relazione a risultati e categoria di appartenenza, in ragione del fatto che la piattaforma di Andrea Radrizzani detiene anche i diritti di trasmissione in streaming di tutte le gare di Serie C in esclusiva. Preziosa l’opera professionale prestata nella circostanza da Gianluca Paparesta, le cui capacità diplomatiche e negoziali hanno consentito di serrare i tempi ed accorciare le distanze tra le parti al fine di giungere alla tanto agognata fumata bianca.  Per l’ufficialità bisognerà probabilmente attendere la giornata di domani, in virtù di alcuni aspetti burocratici il cui espletamento è tutt’ora in corso tra la stessa Eleven Sports e la Lega Nazionale Dilettanti. Sarà quindi la piattaforma inglese a trasmettere in streaming tutte le gare di campionato del nuovo Palermo relative alla stagione calcistica 2019-2020. Sussistono auspicio e convinzione comuni tra le parti di riuscire a garantire la copertura televisiva e la disponibilità del servizio fin dalla prima gara di campionato del Palermo in programma domenica prossima a Marsala.  La fruibilità del servizio offerto sarà ovviamente subordinata all’esistenza o all’attivazione da parte dell’utente di una connessione internet. In Italia è possibile seguire Eleven Sports tramite smartphone, tablet e tramite Smart TV con Android TV, Google Chromecast e Amazon Fire TV. L’accordo in essere è ad oggi valido soltanto per i diritti nazionali della trasmissione in streaming della partite del Palermo. La dirigenza del Palermo si sta spendendo in queste ore al fine di trovare una soluzione soddisfacente per tutti i tifosi residenti all’estero. Per la cessione dei diritti internazionali di trasmissione delle gare dei campionato dei rosanero sono in corso trattative serrate con altri interlocutori ed in tal senso potrebbero esserci novità sostanziali nei prossimi giorni.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 3 settimane fa

    Mirri & c. Andate a quel paese. E mi parlano di visibilità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy