Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

verso palermo-parma

Palermo-Parma, precedenti al “Barbera”: dai match al profumo d’Europa alla Serie B…

Palermo
Undicesima volta al "Barbera" per il Parma negli ultimi vent'anni

⚽️

Nella dodicesima giornata di Serie B, il Palermo di Eugenio Corini ospiterà il Parma al "Renzo Barbera" per l'undicesima volta negli ultimi vent'anni. Un solo precedente in cadetteria, elemento che conferma il passato importante dei due club, a lungo impegnati all'inizio degli anni 2000 per la lotta alle posizioni che valevano l'accesso alle competizioni europee in Serie A.

L'ultima - e unica - volta in Serie B finì in pareggio, reti di La Gumina e Gagliolo. Correva l'anno 2017/18, i destini di rosanero e gialloblu si incrociavano in direzioni opposte. Il Palermo iniziava a manifestare già i primi segni di cedimento societario, reduce dalla retrocessione dell'anno precedente, Parma che invece dopo il fallimento aveva quasi completato la scalata per il ritorno nel calcio che conta. E alla fine dei giochi i ducali riusciranno ad approdare in A, siciliani che invece verranno eliminati nell'amara doppia sfida di Frosinone ai playoff, ma questa è un'altra storia. Adesso è bene riavvolgere il nastro e partire dall'inizio.

Dal 2004/05 il nuovo Palermo targato Maurizio Zamparini inizia ad affacciarsi verso il calcio che conta, Parma che invece proviene da annate gloriose in cui vanta importanti vittorie e partecipazioni a livello europeo. Nel primo anno di Serie A, i rosanero sotto l'egida di Francesco Guidolin pareggiano 1-1 al "Barbera": per i ducali vantaggio di Gilardino, raggiunto però dalla rete di Mariano Gonzalez. A fine stagione il Palermo, da neopromosso, raggiungerà il sesto posto e la qualificazione in Coppa UEFA. I due campionati successivi sono vere e proprie battaglie per confermare una formazione che rappresenta la principale sorpresa in quegli anni. Pirotecnico 4-2 per i rosanero nel 2005/06, in cui tra i marcatori c'è anche il "Genio", oltre a Barzagli e Di Michele con una doppietta. Un anno più tardi ben sette reti al "Barbera", stavolta sono gli emiliani a spuntarla con le reti di Budan, Couto, Gasbarroni e Rossi.

Con il passare degli anni la situazione inizia ad invertirsi. Il Palermo di Delio Rossi è in ascesa. Il quinto posto conquistato nel 2009/10 consegna la qualificazione nella nuova Europa League, quell'anno i rosanero superano i ducali 2-1 tra le mura amiche con le reti di Cavani e Simplicio, quest'ultimo arrivato da appena un anno proprio dal Parma. La vittoria arriva anche l'anno successivo, sempre sotto la guida del tecnico di Rimini, stavolta per 3-1. Campionato concluso all'ottavo posto e la finale di Coppa Italia, che regala ai rosanero la seconda qualificazione europea. Qui nuovamente i destini di Palermo e Parma si avvicinano sotto lo stesso segno: la retrocessione e le difficoltà societarie. La stagione 2012/13 si chiude nel fondo della classifica per il Palermo, che torna in Serie B dopo quasi dieci anni, i rosanero cadono al "Barbera" sotto i colpi di Gobbi, Valdes e Belfodil, inutile la rete finale di Miccoli.

L'annata successiva i rosanero sono sul tetto della B, vittoria del campionato e promozione riconquistata. Per il Parma è incubo. I ducali vengono travolti dalla vicissitudini finanziarie con l'avvicendamento di Manenti alla presidenza, poi la radiazione. Si riparte dalla D. Lo stesso destino toccherà al Palermo solamente tre anni più tardi. E da qui si riparte dalla gara iniziale, unico precedente in Serie B. Sabato 5 novembre sarà ancora Palermo-Parma al "Renzo Barbera", come cinque anni fa.

I precedenti in Sicilia, come mero dato statistico, sorridono ai rosanero. Quattro vittorie a tre, con tre pareggi. Questo il dato finale degli ultimi vent'anni. I dati però non servono a tracciare le partite, specie in un campionato imprevedibile e complicato come la Serie B dove, come la storia ci insegna, i sogni promozione possono svanire in un attimo.

 

tutte le notizie di