Palermo, diffide-squalifiche e infortuni: contro la Viterbese è rebus formazione. Odjer e Valente…

La sfida Viterbese-Palermo è in programma nella giornata di sabato

Palermo

Una battuta d’arresto.

Domenica pomeriggio, contro il Catanzaro, la compagine siciliana ha rimediato l’ennesima sconfitta della stagione. Un Palermo che ha steccato la prova di maturità dopo le due vittorie di fila conquistate contro Bisceglie e Turris. Vecchi difetti e soliti errori: i rosanero hanno pagato a caro prezzo due gravi disattenzioni difensive, non riuscendo a conferire intensità, qualità ed incisività alla sua proposta offensiva.

Testa, adesso, alla prossima sfida sul campo della Viterbese. Chi salterà la gara valida per la ventisettesima giornata del campionato di Serie C-Girone C sono certamente Andrea Palazzi e Andrea Saraniti. I due verranno squalificati dal Giudice Sportivo. “Infortuni, squalifiche e diffide. A Viterbo rebus formazione”. Titola così, a tal proposito, l’edizione odierna del “Giornale di Sicilia”.

Odjer è pronto per tornare a Viterbo, ma con la testa al derby”, si legge. Il centrocampista, costretto ai box a causa di un’infiammazione al ginocchio, contro i calabresi non è stato rischiato per precauzione, rinviando il suo rientro alla sfida di sabato. “Una sfida che però, Odjer, affronterà con un discreto peso sulle spalle”. Sì, perché l’ex Trapani è in diffida. E in caso di cartellino giallo salterà il derby contro il Catania. E non è l’unico. Anche De Rose, infatti, è entrato in diffida.

A Viterbo sicuramente non rientrerà Doda, alle prese con una lesione di secondo grado al bicipite femorale sinistro. Restano da valutare, invece, le condizioni di Valente, che nella giornata di ieri si è sottoposto alle cure fisioterapiche. Tra oggi e domani l’ex Carrarese dovrebbe sottoporsi ad ulteriori analisi per valutare l’entità dell’infortunio muscolare. Ragion per cui, difficilmente il calciatore partirà con la squadra nella giornata di giovedì.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy