Palermo-Cavese 2-1: Bubas sfrutta lo svarione di Accardi, Lancini e Valente ribaltano il risultato. Commento primo tempo

Il Palermo chiude in vantaggio il primo tempo contro la Cavese

Palermo

Ultima gara interna della regular season per il Palermo guidato da Filippi.

Il rocambolesco pari maturato al San Nicola contro il Bari ha lasciato in dote non pochi rimpianti. La Cavese, ospite oggi al “Barbera”, e la Virtus Francavilla nell’ultima trasferta del campionato costituiscono avversari obiettivamente alla portata della formazione rosanero. La compagine siciliana punta decisamente a far bottino pieno per scalare qualche posizione in graduatoria in chiave playoff.

Turnover varato dall’ex vice di Boscaglia in occasione del match contro i campani. Pelagotti tra i pali, Accardi, Lancini e Marconi a comporre il terzetto difensivo, Doda e Valente esterni alti, Broh e De Rose tandem di interni in zona nevralgica. Kanoute e Floriano a supporto di Rauti in avanti.

Il Palermo parte forte: manovra ariosa e percussione di Valente sul binario mancino: Rauti non arriva per un soffio sul tirocross del compagno.

Poco dopo, proprio il numero 23 rosanero recupera la sfera in pressing alto e serve un assist d’oro a Floriano, l’ex Foggia mastica troppo il destro.

Svolta inattesa al decimo minuto della sfida: Accardi svirgola il rinvio su un cross innocuo dalla corsia di destra e serve un involontario assist a Bubas che batte da pochi metri Pelagotti. Doccia fredda per i padroni di casa al culmine dell’ennseima topica difensiva della stagione. L’inedita composizione della retroguardia odierna semvra creare più di un imbarazzo in termini di intesa e reattività tra i singoli interpreti.

Ancora retroguardia rosnaero in ambasce una manciata di minuti dopo: il cross di Senesi viene goffamente deviato da Lancini sulla traversa, Bubas fallisce di un soffio il raddoppio con  i difensori rosa in versione belle statuine.

La squadra di Filippi prova a reagire ed a creare le premesse per il pari: Kanoute si incunea nel cuore dell’area su scarico di Rauti: un paio di dribbling ed un sinistro secco che lambisce il palo. Rauti si produce in percussione centrale e scarica un destro dai diciotto metri che va vicino al bersaglio. Lampi che fungono da preludio al gol di Edoardo Lancini: Valente punta l’uomo e crossa teso sul primo palo, il numero tredici di Filippi coglie l’attimo sull’errore in presa bassa del portiere e scarica in rete. Nella circostanza, il portiere campano Kucich si infortuna ed è costretto a lasciare il posto a Russo. Neanche il tempo di prendere posto tra i pali che l’estremo difensore ospite subisce il gol del sorpasso rosanero. Doda spinge sul binario destro e scarica sull’accorrente De Rose, il cambio di fronte dell’ex Reggina trova il taglio dentro di Valente che gonfia con una volèe perfetta la rete campana. Gara ribaltata in pochi giri d’orologio dalla formazione rosanero.

Una trama fitta e avvolgente, palla a terra, del Palermo culmina nel destro potente di De Rose che sfiora la traversa dal limite dell’area.

Un destro a giro di Gatto non spaventa oltremodo Pelagotti. Bella combinazione Valente-Floriano in ripartenza, conclusionesecca con il mancino del numero sette rosanero che termina non lontano dal palo difeso da Russo. 

La prima frazione termina con il Palermo in vantaggio sulla compagine guidata da Maiuri.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy