Palermo-Avellino 0-1: rosanero compassati e sterili, li punisce il palermitano D’Angelo. Commento primo tempo

Il commento della prima frazione del match tra Palermo e Avellino

Il Palermo cerca i primi tre punti della stagione e confortanti cenni di sé nel match interno al “Barbera” contro l’Avellino.

Esordio casalingo effettivo in campionato, dopo il rinvio della sfida interna contro il Potenza che verrà recuperata il prossimo 29 ottobre.

Buoni segnali in termini di ordine, coesione e compattezza sono arrivati dallo stadio “Liberati” di Terni dove la compagine di Boscaglia ha meritatamente ottenuto il primo punto del suo nuovo percorso nel girone C di Serie C. Adesso urge accelerare, al fine di conferire slancio numerico e psicologico all’avvio di torneo e legittimare le decantate ambizioni di vertice. Boscaglia ripropone il 3-5-2  già testato con lodevoli risultati nell’insidiosa trasferta umbra.

Medesimo dispositivo tattico caratterizzato da diverse novità per quanto concerne la scelta degli interpreti. Pelagotti tra i pali, Peretti, Lancini e Accardi a comporre il trio di centrali difensivi. Doda e Valente esterni alti, Luperini debutta in zona nevralgica coadiuvato da Broh e Odjer. Linea verde in avanti con Lucca e Rauti coppia d’attacco. Forfait dell’ultimo istante da parte di Marconi.

Partita che scorre a ritmi cadenzati e non certo esasperanti nei primi quindici minuti. Odjer crossa in area con i giri giusti ma Valente alza la mira di testa da ottima posizione. La manovra del Palermo, che si sforza di fare la partita, si dipana in modo piuttosto scolastico e macchinoso. Valente trova Doda con un cambio di fronte che taglia il campo ma l’ex Sampdoria si incarta in un dribbling fumoso e perde l’attimo propizio per calciare.

L’Avellino alza la testa e sblocca il match intorno al ventesimo: il palermitano Santo D’Angelo si ritrova liberissimo nel cuore dell’area su un traversone dalla trequarti che coglie a dir poco impreparata la difesa rosanero. Evidente il corto circuito nel movimento corale della linea difensiva che scala in maniera scomposta le marcature. Doda lascia il campo per infortunio, lo rileva Kanoute. La reazione del Palermo è sostanzialmente poca cosa, un flipper aereo targato Luperini-Rauti-Lucca si conclude con un’incornata del numero 17 rosanero alta sulla traversa. Compagine di Braglia che chiude la prima frazione in vantaggio di misura.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy