Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

serie c

Messina, Capuano: “Avellino squadra top. Somiglianze col Palermo e il Bari”

Messina, Capuano: “Avellino squadra top. Somiglianze col Palermo e il Bari”

Le parole del tecnico della compagine peloritana in vista della sfida contro l'Avellino

Mediagol (rdf) ⚽️

L'ACR Messina ha vissuto un inizio di campionato ricco di difficoltà che ha portato all'esonero di Salvatore Sullo e all'approdo sulla panchina dei peloritani di Ezio Capuano. Proprio il nuovo tecnico ha provato a ridare serenità ad un ambiente scosso dalla situazione di classifica in cui si trova. Il Covid ha complicato ulteriormente il percorso dei messinesi, con diversi giocatori che sono risultati positivi riducendo l'organico in vista della sfida con l'Avellino.

Alla vigilia della sfida contro i campani è intervenuto in conferenza stampa Ezio Capuano che ha presentato la sfida, sottolineando come sia sulla carta proibitiva, ma i suoi ragazzi lotteranno fino all'ultimo per regalare una gioia ai tifosi.

"Nel calcio esistono gli infortunati e tutti siamo sotto assedio di questa pandemia, a prescindere del calcio. Purtroppo, ci sono delle regole che vanno rispettate, ma a Catanzaro è successo qualcosa che non può accadere. Si può giocare anche in 8 per situazioni vergognose come a Caserta lo scorso anno contro la Viterbese, mi sembra, ma non è normale e non può accadere a nessuna squadra quella cosa lì di Catanzaro. Io vorrei fare una domanda che sono sicuro non avrà risposta. Noi ci siamo autodenunciati a Catanzaro a due ore dall’inizio della partita. Chiedo, se non avessimo trovato quella farmacia aperta di domenica e non avessimo fatto in maniera scrupolosa quanto fatto, avremmo giocato lo stesso?". L’Avellino davanti ha giocatori di categoria superiore, come Di Gaudio, Kanoute, Micowski, Plescia, Maniero. Di che parliamo? Bravo l’allenatore, che con il suo gioco è stato capace di mandare in gol tanti giocatori differenti e, nel caso specifico, Pietro Braglia non ha bisogno di presentazioni o di essere celebrato, perché la storia non si cancella. Noi, nel preparare la partita siamo molto attenti, da martedì a sabato conosciamo le caratteristiche degli avversari, pensiamo di conoscere il loro modo di giocare al di là del modulo che adotteranno". L’Avellino ha un organico come Bari, Catanzaro e Palermo, quindi nettamente superiore alla categoria. Per loro avremo lo stesso rispetto già messo con Vibonese o Campobasso, ma senza aggrapparci alle assenze o timori reverenziali, altrimenti non si può fare questo mestiere". 

tutte le notizie di