Lupo: “Limite del Palermo? Ogni tanto molla, ma bisogna ripartire. Il nostro organico…”

Lupo: “Limite del Palermo? Ogni tanto molla, ma bisogna ripartire. Il nostro organico…”

Le parole del direttore sportivo rosanero, Fabio Lupo, a seguito della sconfitta esterna subita contro l’Empoli: “Testa sul manubrio, pedalare forte e ripartire dalle cose positive…”

Guardare avanti e riprendere il cammino verso la Serie A.

Questo in sintesi il pensiero del direttore sportivo del Palermo Fabio Lupo, che a mente fresca rivaluta e analizza quanto accaduto nella sconfitta di Empoli, tra i limiti della squadra emersi ed espressi al Castellani e il bisogno di riprendere il cammino senza buttare via quanto prodotto fino a questo momento.

(Giammarva: “Istanza di fallimento? La perizia farà chiarezza, Palermo tra i club più virtuosi d’Italia”)

Raggiunto dal Corriere dello sport il dirigente abruzzese ammette: “Conosco i limiti di questa squadra che purtroppo ogni tanto molla. Non te lo puoi permettere. Continuità è la parola chiave. Non bisogna però buttare quanto il Palermo ha fatto di buono e dimostrato fino ad Empoli“.

Il ds rosanero poi aggiunge: “Bisogna fare una serena e severa autocritica senza tralasciare che, in una delle peggiori giornate, abbiamo avuto numeri adeguati a quelli di chi ha vinto anche se l’avversario ha meritato. Se si doveva perdere, meglio così a patto di riscattarsi“.

Ora però bisogna guardare avanti: “Testa sul manubrio, pedalare forte e ripartire dalle cose positive. Qualche giocatore, che dovrebbe risultare determinante, non è in grandissime condizioni, abbiamo però un organico che ci dà alternative, bisogna uscirne con lucidità e con coraggio“.

(Tedino e Lupo a rapporto con Zamparini: “Mancano Rispoli e i gol di Nestorovski, abbiamo bisogno di Murawski…”)

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sergio Cinà - 2 anni fa

    …anche l’Empoli lo farà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nick - 2 anni fa

    Alternative???e si gioca con l’empoli con un difensore centrale messo ad ala.
    manca un regista di centrocampo, e oltre e a nestorosky nessuno è in grado di garantire la doppia cifra.
    io ho l’impressione che si siano cullati sulla mediocrità della serie B..tipo la penultima retrocessione quando mz era convinto che si salvava facile e invece

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy