Foschi: “La mia sul Palermo, serve uno forte come Zamparini. Soffro, ho voglia di rientrare”

Le dichiarazioni rilasciate dall’ex direttore sportivo del Palermo

“Il mercato estivo sarà ancora di sofferenza dovuto alla pandemia perché ci sono tante proprietà tante società sommerse dai debiti. Ci saranno scambi, con tante difficoltà”.

Parola di Rino Foschi. Diversi sono stati i temi trattati dall’ex dirigente del Palermo, intervenuto ai microfoni di ‘TuttoMercatoWeb’: dal mercato che verrà, alle prestazioni offerte fin qui dal Palermo di Giacomo Filippi, reduce dalla vittoria conquistata fra le mura amiche del “Renzo Barbera” contro il Foggia. La condizione attuale del nuovo Palermo targato Hera Hora è oggetto di un’accurata disamina da parte dell’esperto manager romagnolo. Di seguito, le sue dichiarazioni.

PALERMO – “Palermo è la quinta città d’Italia. Ha sempre fatto campionati bellissimi. Ora è in C, ma la gente ha ancora in testa il Palermo di qualche anno fa. I palermitani sono abituati bene, dopo e prima di me ci sono stati anche Sabatini e Perinetti. Oggi non si percepisce che la squadra possa andare in categorie superiori. Ma queste sofferenze le hanno avute anche squadre come Fiorentina e Napoli. Però se tardi a centrare la Serie B la delusione fa parte del gioco, a Palermo come a Bari. Servono proprietà forti come lo era Zamparini. Non so se l’attuale presidente del Palermo sia in grado di garantire un certo livello”.

VALZER DS – “Ci saranno dei cambiamenti. Io come altri esperti devo mettermi in testa che non si guarda più l’esperienza ma l’età. Mi sento più forte di dieci anni fa. Però l’anagrafe mi penalizza. E soffro, perché voglio rientrare. Braida ha trovato la Cremonese, Perinetti c’era e ci sarà ancora. Io mi vedo ancora all’altezza di tante situazioni”, ha concluso.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. spargi49 - 4 settimane fa

    Gentile sig.Foschi credo che i palermitani non abbiamo più voglia di sentire riferimenti a Zamparini, tanto più che il predetto ci ha lasciati in ‘ braghe di tela” come di dice a Genova, tutti i tifosi rosanero si augurano il meglio per la nostra squadra,la risalita sarà dura, vorremmo quindi un investitore che non ci prenda nuovamente per i fondelli come successo con l’ultimo periodo di Zamparini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy